Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il Ministro definisce "discutibili" i dati Istat

Tremonti: "La ricchezza in Italia non è scesa, ma è salita"

Giovannini: "Alcuni giornali hanno fatto confusione"

Tremonti: 'La ricchezza in Italia non è scesa, ma è salita'
24/05/2011, 19:05

ROMA - "La ricchezza in Italia non è scesa in questo decennio, ma anzi è salita. Questo risulta dalle statistiche ufficiali". Sono state queste le parole del ministro Giulio Tremonti che considera "discutibili" i dati dell'Istat sulla povertà in Italia.
Tremonti ritiene che ci siano situazioni di difficoltà economiche ma non considera credibili i dati sul rischio di povertà per un italiano su 4. Il ministro dell'Economia è intervenuto nel corso della presentazione di un rapporto della Corte dei Conti ed ha rivendicato l'azione svolta dal governo per la tenuta del sistema durante la crisi.
''Il ciclo delle riforme e' appena iniziato e deve continuare. Tutto e' aperto a formule costruttive ma considerando il giusto mezzo e l'energica moderazione'', ha aggiunto. Anche il presidente dell'Istat Enrico Giovannini si è definito sorpreso per i dati sulla povertà. ''Purtroppo alcuni giornali hanno confuso le cose. L'indicatore della poverta' e' stabile al 13%, mentre al 25% e' l'indicatore, scelto dai Governi a livello europeo, che comprende i rischi di poverta' e i rischi di esclusione sociale", ha affermato.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©