Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

TREMONTI: NESSUN RISCHIO PER I MUTUI ITALIANI


TREMONTI: NESSUN RISCHIO PER I MUTUI ITALIANI
02/10/2008, 09:10

Intervento tranquillizzante, quello di stamattina alla Camera dei Deputati del Ministro delle Finanze Giulio Tremonti. Anche se l'argomento di cui avrebbe dovutoparlare era completamente diverso, comunque ci ha tenuto a specificare che le banche italiane hanno una sufficiente liquidità per cui sono al riparo dalla crisi internazionale; quindi i mutui non sono a rischio. Inoltre ha addebitato alla congiuntura internazionale la responsabilità della mancata crescita del PIL, che nel 2008 sarà +0,1% e nel 2009 del +0,5%. Inoltre ha affermato che le tasse non sono state ancora abbassate perchè si preferisce prima mettere in sicurezza i conti dello Stato; ma presto lo saranno. Anche se il documento di programmazione fatto da questo governo dice che non ci saranno riduzioni fino al 2013.

Ora, chiunque ha mai letto qualcosa di economia, può facilmente valutare che sono sciocchezze. Innanzitutto, ancora a marzo, le previsioni di crescita per l'Italia erano dell'1,8%; il sei mesi abbiamo bruciato tutto. E poichè per gli altri Paesi europei la riduzione non è stata così elevata, significa che c'è qualcosa di diverso. Inoltre, come si fa a dire che si sono messi in sicurezza i conti dello Stato, quando abbiamo un aumento del fabbisogno a settembre di 10 miliardi e una previsione di ulteriore aumento per il 2009? Misteridel tremontismo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©