Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

"Nuovi problemi possibili ma non in Italia"

Tremonti sulla crisi, "Non sarà necessaria nuova manovra"


Tremonti sulla crisi, 'Non sarà necessaria nuova manovra'
04/09/2010, 12:09

CERNOBBIO - Al termine del Workshop Ambrosetti ha avuto modo di parlare anche Giulio Tremonti che, riguardo la crisi economica attuale, ha mostrato un cauto ottimismo per la situazione che interessa il Belpaese.
"Io rispondo delle cose che dico e non delle cose che dicono gli altri - ha infatti spiegato Tremonti -, la verità è che siamo ancora in una terra incognita e sono possibili ancora dei problemi, non in Italia, ma forse in altri Paesi europei. Bisogna essere prudenti, questa è la realistica visione delle cose. Bisogna anche dire che è finita per l'Italia la fase che ha portato da ultimo a dover fare la manovra".
Secondo il ministro, dunque "le entrate fiscali sono buone   e non ci sarà bisogno di nessuna manovra in autunno". Questo perchè "ci sarà la finanziaria che conterrà la manovra in tre tabelle".
In ultimo, il numero uno dell'economia ha sentenziato:"I paesi restano, i governi passano, tranne il governo Berlusconi che è un unicum perché resta". Nessun nuovo e straordinario intervento di riordino finanziario è quindi previsto dall'esecutivo, con Tremonti sicuro delle tendenziale solidità economica della penisola e dell'inutilità di una nuova manovra lacrime e sangue.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©