Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

"Poco debito delle imprese e sistema pensionistisco stabile"

Tremonti:"Sistema italiano molto sostenibile"


Tremonti:'Sistema italiano molto sostenibile'
17/06/2010, 22:06

ROMA - Alla fine della della conferenza internazionale sugli investimenti a lungo termine organizzata dalla cassa depositi e prestiti, riguardo gli esiti dell'ultimo summit europeo, il ministro dell'Economia Giulio Tremonti ha osservato che "abbiamo ereditato un grande debito ma guardando avanti la dinamica è più lenta rispetto ad altri Paesi".
Grande merito va sicuramente "all'enorme ricchezza" accumulata dalle famiglie grazie ad un politica del risparmio che si è dimostrata vincente e previdente. In generale, dunque, l'Italia può contare sul "poco debito delle imprese" e su di "un sistema pensionistico molto stabile". Tali considerazioni permettono a Tremonti di osservare che "nell'insieme abbiamo un sistema molto sostenibile" e che "se fosse stato diverso saremmo stati penalizzati".
Per il ministro, all'interno del vertice europeo, "grande riconoscimento è stato espresso per Berlusconi ed il governo italiano" in merito alla gestione del debito pubblico. Dunque è soprattutto grazie al Premier che, il summit del vecchio continente, si è concluso in maniera egregia, garantendo risultati importanti e facendo rendere conto agli itaiani che "siamo in pista ed abbiamo il biglietto che ci compete".
"La crisi - ha sottolineato in ultimo Tremonti - ci ha insegnato che le banche possono essere più pericolose dei governi e che non bisogna guardare al debito pubblico come a una monade. Bisogna guardare l'aggregato: i debiti privati, le pensioni, il grado di competitività di un Paese e molti altri fattori. Dopo la crisi non conta più solo il debito pubblico".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©