Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

''Non c'e' nemmeno alcuna disposizione nel Trattato Ue''

Trichet: "Irrealistico che la Grecia esca dall'euro"

Il 29 Giugno giorno decisivo per il salvataggio

Trichet: 'Irrealistico che la Grecia esca dall'euro'
28/05/2011, 13:05

AQUISGRANA (GERMANIA) - Giorni duri riguardo la crisi economica che si vive in Europa e in particolare nella penisola greca.

Dopo i litigi avvenuti durante il G8 in Francia tra Ue e Stati Uniti d'America, che chiedono più chiarezza e impegni sulle scelte da compiere a riguardo degli aiuti alla Grecia, preoccupati soprattutto dalla debolezza dell'euro sul mercato.

Stamattina, il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, ha lanciato un monito alla Grecia, in un intervista rilasciata al quotidiano regionale tedesco 'Aachener Zeitung'-: ''E' del tutto irrealistico che la Grecia esca dall'euro. Non c'e' nemmeno alcuna disposizione nel Trattato Ue''.

Trichet ha sottolineato che: ''L'area dell'euro e' una comunità che condivide lo stesso destino: ogni membro e' dipendente dagli altri – spiegando che - Il programma di adeguamento e di riforma concordato tra l'Unione europea e il Fondo monetario internazionale con la Grecia non prevede la ristrutturazione - quindi - la Grecia deve attuare il programma di completezza e rigore.

Il presidente della Bce ha poi concluso: ''non e' mai facile quando un paese ha molti anni di cattiva gestione economica e finanziaria alle spalle. La Grecia ha vissuto al di sopra dei propri mezzi per anni, mentre continua l'aumento della spesa per il settore pubblico. E' assolutamente necessario riformare il paese in modo che possa tornare a camminare con le gambe. E' nell'interesse dei greci tornare a crescere per generare nuovi posti di lavoro in futuro''.

Il 29 Giugno sarà il giorno decisivo per capire le sorti del salvataggio greco (Ue e Fmi devono staccare il quinto assegno da 12 miliardi di euro, 8 dalla Ue e 4 dall'Fmi, del piano di aiuti per Atene da 110 miliardi).

Ci sono forti preoccupazioni perchè il Fondo può versare la sua quota solo se ci sono garanzie finanziarie solide da parte di Atene nei prossimi 12 mesi.Se nel caso fosse così, l'Fmi potrebbe rifiutare di pagare la sua parte lasciando l'Ue da sola a fronteggiare la crisi.

 

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©