Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Un report della Esde spiega la situazione in Italia

Ue: i giovani italiani non cercano lavoro e se lo trovano è precario e malpagato


Ue: i giovani italiani non cercano lavoro e se lo trovano è precario e malpagato
17/07/2017, 14:24

ROMA - Il giovane italiano? Non cerca lavoro, perchè tanto sa che è inutile. E se lo cerca e lo trova, si ritrova con un lavoro precario e mal pagato, assolutamente inadatto alle sue necessità. E' questa la conclusione dell'indagine 2017 sull'occupazione e sugli sviluppi sociali in Europa (Esde). 

In parcentuali, i NEET (coloro che non lavorano e non cercano lavoro perchè scoraggiati) sono il 20%, contro l'11,5% della media Ue. La disoccupazione (quindi coloro che cercano lavoro e non lo trovano) tra i giovani compresi tra i 15 e i 24 anni è stata pari al 37,8% nel 2016, al terzo posto dopo Grecia e Spagna. Chi riesce a trovare lavoro, nel 15% dei casi ha contratti atipici (contro una media Ue del 5%) ed è a rischio precarietà. Inoltre, chi ha meno di 30 anni guadagna in media la metà di un lavoratore ultrasessantenne.

Tutti dati che ovviamente impediscono ai giovani di lasciare casa, in quanto non economicamente autonomi. Lasciare casa in Italia è cosa che ormai avviene in media ben oltre i 30 anni. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©