Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Stroncatura della situazione economica italiana

Ue: in Italia ripresa fragile e disoccupazione elevata


Ue: in Italia ripresa fragile e disoccupazione elevata
13/09/2010, 12:09

BRUXELLES (BELGIO) - La rispresa italiana? Fragile, bloccata dalla disoccupazione elevata e dalla mancanza di consumi privati. Questo il giudizio contenuto nelle Previsioni Intermedie della Commissione Europea, a proposito dell'Italia. Nel complesso dell'Europa, la Commissione prevede un miglioramento economico per il 2010: non più un aumento del Pil pari allo 0,8%, come stimato a maggio, ma all'1,7%. Un notevole miglioramento, come si vede. Miglioramento al quale non partecipa molto l'Italia, per la quale comunque le previsioni sono leggermente migliori di quelle dell'Ocse: +0,5% nel terzo trimestre dell'anno, +0,2% nel quarto trimestre (secondo l'Ocse era -0,3% nel terzo trimestre e +0,1% nel quarto). Anche per l'inflazione brutte notizie, dato che si prevede un aumento dall'1,6% all'1,8% come dato medio annuale.
A frenare l'economia italiana, secondo la Commissione Ue, è la forte disoccupazione, che incide pesantemente sui consumi privati, che sono tra i più bassi d'Europa. E questo impedisce la crescita dell'economia italiana.
Piccola curiosità: giusto stamattina il Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi, parlando in TV a "Mattino Cinque", aveva detto di avere ricevuto il plauso dell'Ocse e della Ue, perchè l'Italia è quella che sta affrontando meglio la crisi. Se questi sono i plausi...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati