Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Ma preoccupa la disoccupazione in Francia che sale

Ue: Madrid ha avuto due anni in più per rientrare nel deficit


Ue: Madrid ha avuto due anni in più per rientrare nel deficit
26/04/2013, 18:44

MADRID - Buone notizie per il governo spagnolo: l'Unione europea ha spostato dal 2014 al 2016 il termine entro cui il Paese dovrà ridurre il proprio deficit sotto il 3% del Pil. Una notizia importante, che è stata motivata dal fatto che la disoccupazione è ancora troppo alta (l'ultima rilevazione la fissa oltre il 27%) e quindi diventa impossibile far scendere rapidamente il deficit, che al 31 dicembre 2012 è al 6,3% del Pil. 
Intanto crescono le preoccupazioni sulla tenuta della Francia: la disoccupazione sta crescendo più del previsto, superando l'11,5%, il dato più alto da 15 anni a questa parte. Il rischio è che questo dato influenzi sia il deficit (che è superiore al 3%) che il debito pubblico, che è oltre il 90%. 
Invece migliorano i conti per la Germania: la stima di crescita per il 2013 passa dallo 0,4% allo 0,5%, mentre per il 2014 resta la previsione di una crescita dell'1,6%. Un dato che potrebbe essere persino sottostimato, perchè le previsioni sono di un aumento del Pil in Cina ed Usa; e questo potrebbe provocare un aumento della domanda internazionale, che la Germania potrebbe sfruttare meglio degli altri Paesi europei. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©