Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il Copasir commenta l'acquisto da parte di Telefonica.

Vendita Telecom: allarme sicurezza nazionale


Vendita Telecom: allarme sicurezza nazionale
26/09/2013, 10:16

ROMA - La cessione del controllo di Telecom agli spagnoli di Telefonica mette a rischio la sicurezz nazionale. Questo è l'allarme lanciato dal Copasir. Il Premier Enrico Letta sulla questione ha affermato che i capitali non hanno passaporto, anche se l'Italia non vuole perdere asset strategici. Il vice ministro dello Sviluppo economico Antonio Catricalà martedì riferirà alla Camera, ed ha sottolineato che il governo è stato avvertito a cose fatte, mentre il presidente di Telecom Franco Bernabe' ha affermato di aver appreso tutto dai comunicati stampa. "E' opportuno mantenere alta l'attenzione tutte le volte che c'e' un'operazione che riguarda una infrastruttura strategica per il Paese, come e' il caso di Telecom. E bisogna vigilare sui possibili rischi per la sicurezza nazionale e per il 'sistema Paese' composto da pubblica amministrazione, imprese e cittadini", questo il commento di Giacomo Stucchi, presidente del Copasir. "Naturalmente - ha spiegato Stucchi - prima di valutare tutte le possibili criticita' dell'operazione, bisogna capire bene come evolvera' lo scenario nei prossimi giorni. Quello che e' sicuro e' che in ballo c'e' il futuro assetto di una struttura delicatissima, attraverso la quale passa una straordinaria mole di dati". Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato, il quale ha assicurato che il governo "pensa a tutte le politiche necessarie per evitare eventuali danni. Ad esempio, dobbiamo garantire che la rete fissa rimanga sotto il controllo italiano e dobbiamo evitare che l'attivita' di compravendita non danneggi l'occupazione. Io sto lavorando su questo".

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©