Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

E’ naturalmente Veneto

Vino e giovani: c’è anche a zero gradi per tutte le età


Vino e giovani: c’è anche a zero gradi per tutte le età
10/04/2011, 14:04

VERONA - “E’ significativo che proprio il Veneto, grazie alla sua cultura e tradizione enologica, sia in grado di proporre dalle uve un modo di bere innovativo e senza rischi persino per i più giovani”. Lo ha detto l’assessore regionale alle politiche sociali Remo Sernagiotto, visitando a Vinitaly lo stand della Cantina Iris Vigneti, che ha scelto la grande manifestazione veronese per presentare in Italia “Isabella Ice”: lo spumante da uve glera completamente analcolico, a zero gradi.
Si tratta di una novità molto interessante per il mondo giovanile, che per evitare eccessi è orientato a consumare bibite dagli ingredienti ignoti e dai sapori globalizzati, tutte o quasi gassate, molto costosamente pubblicizzate. Isabella Ice è un prodotto della vigna con bollicine naturali e dal sapore dolce del territorio, senza trucchi. Sernagiotto ha riflettuto con la produttrice Isabella Spagnolo sulla possibilità di introdurre questa bevanda naturale e sana proprio nelle mense collettive scolastiche, per promuovere iniziative di informazione, promozione della salute e del bere sano e intelligente.
“E’ cambiato il modo di nutrirsi – ha precisato Sernagiotto – e mentre una volta si beveva vino integrandolo a pranzo o a cena, ora il pasto addirittura alle volte si salta e la modalità per le nuove generazioni è concentrare il consumo di super alcolici in singole occasioni”. L’alta gradazione è già sperimentata a 14 anni, e in misura maggiore tra le studentesse; le prime ubriacature avvengono tra i quindicenni. Le ricadute di questi usi e abusi si traducono in una maggiore incidenza di sinistri stradali legati a tassi alcolemici fuori norma, ma anche in stati di depressione conseguenti all’abuso di alcolici.
“Occorre insistere sul lavoro di prevenzione e richiamare la responsabilità della famiglia, dell’individuo, delle istituzioni-scuola, che si traduce in provvedimenti dell’autorità, con l’obiettivo finale di educare al corretto uso e non alla privazione totale di un buon bicchiere di vino”, ha spiegato Sernagiotto. “Non siamo in competizione con i produttori di vino e anzi Isabella Ice è un consapevole complemento della nostra produzione enologica aziendale – ha ricordato Isabella Spagnolo – mentre i nostri ‘avversari’ sono le multinazionali che non usano l’uva come base di partenza ma soluzioni chimiche sostenute da campagne pubblicitarie con testimonial simbolo della trasgressione”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©