Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Solo la Grecia è messa peggio, con il 150%

Vola il debito pubblico italiano: a giugno è al 126% del Pil


Vola il debito pubblico italiano: a giugno è al 126% del Pil
24/10/2012, 12:23

ROMA - Cresce sempre di più il debito pubblico italiano, che nel secondo trimestre del 2012 tocca il 126% del Pil, record assoluto da quando esiste questo metodo di misurazione (e record assoluto di sempre, dato che non esiste il debito pubblico quando c'è la convertibilità della moneta in oro, come era prima del 1948). Il dato fa il pauio con quello, reso noto pochi giorni fa, che il debito pubblico col governo Monti è cresciuto al ritmo di 282 milioni al giorno, più del livello raggiunto dal governo Berlusconi e il triplo di quanto cresceva durante i governi Prodi e D'Alema. 
Peggio di noi in Europa solo la Grecia che ha superato il muro del 150% del rapporto tra debito pubblico e Pil. Ma peggiorano i dati di tutti i Paesi: il debito pubblico portoghese sale dal 112 al 117% del Pil, quello irlandese dal 108 al 111%, quello spagnolo al 77%. 
Si tratta dell'ennesima dimostrazione del fallimento delle direttive che la Bce e l'Ue stanno dando ai vari Paesi europei in difficoltà. Nessuno dei Paesi che sta seguendo quelle indicazioni sta trovando sollievo economico e tutti i parametri macroeconomici sono in peggioramento. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©