Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

ZAIA IN FRIULI VENEZIA GIULIA


ZAIA IN FRIULI VENEZIA GIULIA
03/09/2008, 14:09

Qualità, competitività e prezzi in una regione che spicca nel contesto nazionale per la produzione vitivinicola e dei prosciutti, oltre che per piccole e medie imprese agricole e sistemi di l’allevamento all’avanguardia. Saranno questi alcuni dei temi che il  Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia affronterà domani in occasione della visita programmata in Friuli Venezia Giulia.

“Credo profondamente che le scelte della politica agricola nazionale non si facciano dagli uffici e da dietro una scrivanie ma dalle aziende – sottolinea Zaia -. Per questo ci tengo ad incontrare domani direttamente gli agricoltori e i produttori di una regione che sta dimostrando di puntare sulla qualità per crescere. Basti pensare che nel Friuli Venezia Giulia – spiega il Ministro – la viticoltura sta attraversando una fase di crescita significativa con produzioni di eccellenza in grado di essere da traino alle esportazioni nazionali. La produzione dei prosciutti poi,  con il San Daniele, è elemento distintivo – conclude Zaia – e  alla luce del nuovo piano di rilancio del settore suinicolo, che il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha realizzato insieme a tutti i rappresentanti delle filiera, è importante un riscontro”.
Il Ministro Luca Zaia, incontrerà la stampa alla ore 12.00 presso l’azienda agricola “Petrucco” in via Morpurgo, n. 12, a Buttrio in provincia di Udine.  In questa occasione sarà presente Chiara Cainero, atleta del Corpo Forestale dello Stato, medaglia d’oro nel tiro a volo specialità skeet alle Olimpiadi.
Tra i temi che saranno affrontati anche le strategie per contenere il caro prezzi: dai nuovi servizi di SMS consumatori che partiranno a settembre, ai farmer’s market i mercatini della vendita diretta degli agricoltori. Si parlerà anche della direttiva nitrati: le regioni padane infatti, stanno lavorando ad un documento tecnico per definire le proposte da condividere con i Ministeri competenti e con Bruxelles.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©