Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

ZAIA: PROROGARE SCADENZA REGIME DI DISACCOPPIAMENTO PARZIALE SULLA PRODUZIONE DI TABACCO


ZAIA: PROROGARE SCADENZA REGIME DI DISACCOPPIAMENTO PARZIALE SULLA PRODUZIONE DI TABACCO
30/09/2008, 09:09

L'Italia ha chiesto all'Unione Europea di prorogare la scadenza del regime di disaccoppiamento parziale sulla produzione di tabacco, oggi fissata al 2009, fino al 2013. Lo ha ribadito a Bruxelles il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia, poco prima dell’inizio della trilaterale con il collega francese e presidente di turno UE Michel Barnier e con la Commissaria europea all'Agricoltura Mariann Fischer Boel.

A Bruxelles, oggi, si è infatti tenuto l’incontro fra i rappresentanti del settore tabacco UNITAB, FETRATAB ed EFFAT e le delegazioni nazionali di Italia, Grecia, Polonia, Romania, Ungheria, Spagna, Francia e Germania.
Per il nostro Paese era presente, insieme al Ministro Zaia, anche la presidente della Regione Umbria Maria Rita Lorenzetti, in rappresentanza delle regioni italiane a vocazione tabacchicola.
“Far sì che già dal prossimo anno gli aiuti ai coltivatori di tabacco siano totalmente indipendenti dalle quantità prodotte significa decidere la fine della tabacchicoltura italiana – ha detto Zaia - che in regioni come il Veneto, l’Umbria e la Campania ha invece una lunga storia e tradizione. Dobbiamo puntare – anche con una forte pressione internazionale qual è quella che si sta realizzando qui oggi - ad una riconversione del settore che garantisca il futuro di 100 mila famiglie italiane. Tanti sono infatti i lavoratori del comparto che aspettano i risultati di questa trattativa con un’ansia che è oggi anche la mia. A loro prometto il mio impegno e la mia attenzione perché la coltivazione del tabacco, e con essa gli investimenti decisi in questi anni nei singoli territori, possano dare i loro frutti. Siamo fortemente impegnati nell’organizzazione di un summit internazionale su questo tema che, entro breve, si svolgerà a Venezia”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©