Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

ZAIA: “SU MALPENSA SI GIOCA UNA PARTITA CRUCIALE


ZAIA: “SU MALPENSA SI GIOCA UNA PARTITA CRUCIALE
10/01/2009, 15:01

 

Su Malpensa si gioca il Federalismo. È una battaglia politica non solo lombarda, ma veneta, friulana, piemontese, emiliana. Non si tratta semplicemente di un hub, ma rappresenta un presidio di autonomia. Non siamo disposti a diventare una terra di confine o una periferia dell’impero”. Con queste parole il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia spiega il suo punto di vista sugli ultimi sviluppi della vicenda di Malpensa, rispondendo alle domande di un giornalista del Gazzettino.
Dopo la decisione della nuova compagnia aerea di dimezzare il personale all’aeroporto Marco Polo e di ridurre i voli quotidiani di Venezia da 11 a 4, il Ministro ha esposto il suo pensiero sulla necessità per il Nord di fare fronte compatto contro le conseguenze di un eventuale indebolimento di snodi aeroportuali strategici per tutto il territorio: “Cedere su Malpensa significherebbe far innescare un effetto domino che coinvolgerebbe tutto il Nord, e non solo il sistema aeroportuale. Il mio è un ragionamento politico, non meramente tecnico: l’appoggio a Malpensa per il Veneto significa acquisire un credito dalla Lombardia. Occorre creare un contraltare forte alla lobby del Sud, che in Parlamento si presenta sempre unita per difendere i propri interessi”.
“Non si tratta di confondere politica e impresa”, ha aggiunto Zaia. “È chiaro che se Cai lascia liberi gli slot ci sarà qualcun altro a occuparli, secondo le regole del mercato. Ma il problema è se gli slot non vengono lasciati liberi a Malpensa: si passerebbe da Milano a Venezia, e il campo di battaglia si sposterebbe in Veneto. Non avalleremo un progetto che mira a isolare il nostro territorio: difendere Malpensa o il Marco Polo significa difendere un interesse strategico per il Nord e per il Paese intero”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©