Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

Al Qaeda, da terroristi antiamericani ad alleati Usa in Siria


Al Qaeda, da terroristi antiamericani ad alleati Usa in Siria
08/02/2013, 18:31

Come fa una persona o un gruppo di persone essere contemporaneamente indicati come nemici ed essere sostenuti come alleati? Può sembrare un controsenso, ma è esattamente quello che succede con Al Qaeda. Dopo l'11 settembre è stata additata come pericolo numero 1 nel mondo, motivo per cui è stato invaso l'Afghanistan e così via. Ed oggi invece Al Qaeda, insieme al cosiddetto "Esercito libero siriano" (in realtà un esercito di mercenari che comprende soprattutto libici, sauditi, e persone provenienti da vari Paesi dell'Africa) è un alleato degli Usa, viene armato dagli Usa per combattere contro la popolazione civile siriana e il governo di Assad, e verrà messa al governo del Paese, se l'attacco sferrato riuscirà ad avere la meglio. 
Certo i giornali e le TV non ne parlano, ma la sostanza è quella. E se si conoscesse la storia di Al Qaeda (che pochi sanno) si capirebbe il perchè. 
Al Qaeda è una creatura della Cia. Venne creata a metà degli anni '80, come uno dei contenitori delle varie bande di guerriglieri (allora venivano chiamati così, non terroristi) che difendevano il Paese dall'invasione russa. Con lo stesso obiettivo vennero create in Pakistan, sempre ad opera della Cia, le madrasse, le scuole coraniche. D'altronde, per indottrinare masse di giovani ignoranti (non in senso offensivo, ma nel senso letterale di persone senza conoscenza, che non sanno nè leggere nè scrivere), cosa è meglio di una ideologia religiosa? 
Poi i russi se ne vanno dal Paese e cominciano le lotte per la conquista del potere. A vincere, come si sa, sono quelli che oggi vengono chiamati i talebani, cioè proprio quel miliaziani - spesso legati ad Al Qaeda - usciti dalla madrasse. Ma quando gli Usa si fecero avanti per avere quanto si aspettavano, vennero mandati a quel Paese. E qual era l'obiettivo Usa? Il cosiddetto Waziristan, la zona montuosa che separa Afghanistan e Pakistan. E' una zona che ha nel sottosuolo notevoli giacimenti di minerali che 100 anni fa non erano quasi neanche conosciuti, mentre oggi sono essenziali, come il gadolinio e il molibdeno. 
Nel frattempo, arriva il 1999 e comincia un brutto periodo di crisi: nove trimestri (cioè più di due anni) in cui il Paese è a crescita zero. Una cosa intollerabile per l'amministrazione americana che però non poteva fare molto, dato che i cittadini non avrebbero approvato un aumento delle spese militari, in un periodo in cui Bill Clinton stava riducendo il debito pubblico. E così, dopo l'elezione di Bush junior a presidente Usa, scatta l'11 settembre: l'impatto degli aerei, la demolizione delle Twin Towers, il finto attentato al Pentagono, con - per la gioia del popolino americano - i coraggiosi eroi dello United 93, che preferiscono sacrificarsi facendo schiantare l'aereo piuttosto che permettere venisse usato contro la Casa Bianca (storia del tutto falsa, ma data come vera dai TG e su cui ci hanno fatto anche un film). E un colpevole bello e pronto: Al Qaeda; il cui capo, Osama bin Laden, è un rampollo di una famiglia legata da stretti rapporti di affari ed amicizia personale con le aziende della famiglia Bush. Da qui l'invasione dell'Afghanistan e poi quella dell'Iraq e così via. E in tutto questo tempo ha fatto comodo avere Al Qaeda come nemico, in modo che nessuno potesse protestare pubblicamente senza essere additato come un complice dei terroristi o giù di lì (e come ancora oggi viene additato chiunque dica cosa realmente accadde l'11 settembre). E nel frattempo si sono creati i "nemici", da uccidere man mano. 
Ma intanto si facevano altri piani. E così gli Usa hanno cominciato a dare armi al gruppo chiamato Al Qaeda nel Maghreb, che è stato uno dei punti di forza dell'attacco contyro Gheddafi in Libia. Naturalmente quegli stessi gruppi, adesso stanno combattendo nel nord del Mali; e contro di loro si sono mossi gli eserciti dell'Unione Africana oltre alla Francia e a diversi Paesi europei. Mentre in Medioriente vengono armati dagli Usa per combattere contro Assad in Siria. Ma poichè si tratta sempre di estremisti religiosi, agiscono di conseguenza. E quindi sono stati colpevoli di molti episodi di violenza contro la popolazione civile. Come lo studente gettato dal tetto dell'università perchè voleva studiare e non combattere; oppure i tanti casi di persone (civili e soldati regolari catturati) che sono state giustiziate con un colpo alla nuca (nella migliore delle ipotesi) o decapitate a colpi di coltello. E tra loro ci sono anche bambini e bambine. Dulcis in fundo, su alcuni giornali sauditi sono apparsi inviti allo stupro di massa delle siriane "dai 12 anni in su", definiti come "matrimoni temporanei senza cerimonie". 
Come mai questo cambiamento? La risposta più semplice è che Al Qaeda sia tuttora una struttura legata alla Cia. E questo spiegherebbe anche la strana omertà dei giornali occidentali nel parlare della presenza di Al Qaeda in Libia e in Siria, quando invece sono stati sempre prodighi nel descrivere le atrocità - vere o presunte, dimostrate o indimostrabili o false - prima di Gheddafi e poi di Assad. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©