Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

Berlusconi e Monti, come le due maruzze, una feta e una puzza


Berlusconi e Monti, come le due maruzze, una feta e una puzza
10/12/2012, 14:58

C'è un proverbio napoletano che recita: "Sono come le due maruzze, uno feta e una puzza". In dialetto la "maruzza" è la lumaca di mare; mentre "fetere"significa puzzare, emanare cattivo odore. Quindi il proverbio indica due persone che vogliono distinguersi, ma che in realtà sono la stessa cosa. 
Lo stesso vale per Silvio Berlusconi e Mario Monti. Ciascuno dei due ora vuole marcare la distanza dall'altro, ma in realtà non c'è grande differenza. Certo, Mario Monti ha una reputazione all'estero più solida, mentre Berlusconi è considerato un buffone. 
Ma se andiamo a guardare i risultati ottenuti dai rispettivi governi, vediamo che sono egualmente pessimi, a fronte di provvedimenti simili. Infatti sia il governo Berlusconi che il governo Monti hanno tagliato i finanziamenti alla scuola e alla sanità, entrambi hanno aumentato l'Iva, entrambi hanno aumentato le accise sulla benzina, entrambi hanno colpito le pensioni, per ritardarle il più possibile e dimpedire a milioni di persone di poterle avere. Ed entrambi hanno aumentato la spesa improduttiva per la casta (acquisto o noleggio di nuove autoblu, aumento del numero di aerei di Stato, ecc.), quella ancora più improduttiva per l'esercito, entrambi si sono ben guardati dal risparmiare suylle spese inutili. 
Adesso che è iniziata la campagna elettorale, già Berlusconi ha cominciato a prendersela con Monti, accusandolo di aver danneggiato l'Italia, peggiorando la situazione economica; Monti ha risposto (l'ha fatto più volte nell'ultimo anno) che con Berlusconi eravamo sull'orlo del baratro e che invece le manovre da lui fatte hanno salvato l'Italia. In realtà entrambi stanno solo scaricando le proprie responsabilità, peraltro enormi. Perchè gli 8 anni e mezzo di governo Berlusconi tra il 2001 e il 2011 hanno fatto collassare l'economia, aumentato il debito pubblico di 500 miliardi (cioè il 25% dell'intero debito pubblico è stato fatto sotto il governo Berlusconi), aumentato la disoccupazione, aumentando il deficit e facendo crollare il Pil. Il governo Monti non ha fatto nulla di diverso: ha aumentatop il debito pubblico di 80 miliardi (oltre 250 milioni al giorno, il più alto aumento del debito pubblico italiano dai tempi del primo governo Berlusconi del 1994), ha aumentato la disoccupazione, ha fatto crollare il Pil. Insomma, lo stesso. 
L'unica differenza tra i due risiede in un dettaglio: Berlusconi ha fatto numerose leggi ad personam per guadagnare di più (l'ultimo esempio è del 2010, la famosa "legge Mondadori", che gli ha consentito di pagare 8 milioni di euro, per una accusa di evasione fiscale, anzichè 300 come avrebbe dovuto), Monti invece si è dedicato alle banche, facendo leggi a loro vantaggio e stanziando miliardi di euro per il Monte dei Paschi di Siena. 
Ma la sostanza resta la stessa. resta una gestione dei conti pubblici pessima, sia da parte di Berlusconi che di Monti. Poi possiamo discutere se sia per incompetenza o per malafede, ma il risultato è lo stesso.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©