Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

Carne di cavallo nei prodotti Buitoni? Non è un problema


Carne di cavallo nei prodotti Buitoni? Non è un problema
24/02/2013, 19:02

In questi giorni si rincorrono le notizie sui sequestri di prodotti alimentari (cannelloni, lasagne, ecc.) della Buitoni con l'accusa di contenere carne di cavallo. Lasciamo perdere se sia vero o meno, questo lo verificheranno le analisi e le indagini disposte dalla magistratura (e comunque pare che in Italia questo problema non sussista. Ma laddove sussistesse, ci sono pericoli per la salute umana?
Per rispondere, dobbiamo esaminare la questione da tre punti di vista. Innanzitutto dal punto di vista legale: si tratta in ogni caso di sofisticazione, dato che conterrebbe carne diversa da quella indicata sulla confezione. E quindi, qualora venisse mischiata carne di cavallo, ci sarebbe un comportamento illecito e penalmente perseguibile. 
Il secondo aspetto è quello economico: la carne di cavallo costa meno di quella di manzo. E quindi il rischio è la possibilità che a qualcuno venga in mente una frode per risparmiare. La carne di cavallo, cruda, è diversa da quella di manzo o di maiale, si vede ad occhio nudo; ma se le due carni vengono cotte e mescolate, è difficile capirlo, sia visivamente che olfattivamente. 
Il terzo aspetto è quello della salute umana. E qui il discorso diventa più complesso. Perchè, in teoria, qui non ci dovrebbe essere alcun problema: il cavallo passa, come i manzi, alla visita veterinaria; dopo di che si macella. Procedura ordinaria. Ma è così? La realtà è che spesso allevatori di cavalli con pochi scrupoli cercano di smaltire carne di cavalli vecchi, inadatti a correre e non di tale valore da essere stalloni da monta. E chiaramente quei cavalli non passano alcuna visita veterinaria.
Quindi il rischio è solo qui, nell'accertare la provenienza delle carni. Cosa che non viene mai fatta seriamente: nella maggior parte dei casi questi controlli sono affidati all'autocertificazione. E quindi ci si deve affidare, in ciascun passaggio, all'onestà della singola ditta. Se una decide di essere disonesta, il prodotto è compromesso. E non si sa con quali risultati. 
Naturalmente, con questo non voglio dire che i prodotti Buitoni siano taroccati; il discorso che sto facendo è assolutamente generico e comprende qualsiasi prodotto "preparato" e congelato. Anche quando compriamo i cordon bleu o i bastoncini di pesce, noi non sappiamo che carne o che pesce viene usato. Ci dobbiamo fidare della catena di società che l'hanno prodotto e del marchio che la mette in scatola. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©