Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

E' morta anche Simona. E ora, chi lo dirà a Clorinda?


E' morta anche Simona. E ora, chi lo dirà a Clorinda?
08/08/2013, 11:59

Clorinda ha rifiutato l’operazione al bacino. Vuole vedere le figlie, vuole riabbracciare il marito. Le hanno detto che i suoi cari sono ricoverati a Napoli. Vuole a tutti costi lasciare l’ospedale avellinese. Una distanza troppo grande la separa dalla sua famiglia. Una distanza, che in realtà è più grande di quanto si immagina. Clorinda Iaccarino è una delle vittime della tragedia di Monteforte Irpino. Un bus che rientrava da un pellegrinaggio è caduto in un dirupo e ha provocato la morte di 39 persone. La trentanovesima vittima è Simona, deceduta dopo 8 giorni di agonia. Simona è una delle due figlie di Clorinda. La famiglia Del Giudice è di Pozzuoli: marito operaio, madre casalinga e due figlie, Silvana e Simona.  Silvana, 22 anni, è morta sul colpo insieme al suo papà Antonio, 51 anni. Tutte le speranze erano riposte in Simona, 16 anni, ricoverata per 8 giorni al Loreto Mare. Non ce l’ha fatta. E i familiari ora hanno un’altra bruttissima notizia da dare a Clorinda, ma come? Come si può raccontare ad una madre di aver perso le due figlie? Come si può dire ad una moglie che ha perso il marito? Clorinda non ha partecipato neanche ai loro funerali. Il marito e la figlia Silvana commemorati insieme alle altre 35 vittime, all’interno del Palazzetto dello sport di Monteruscello. Il secondo celebrato oggi (giovedi) insieme alla comunità parrocchiale di Sant’Artema di Monteruscello. Uno strazio il loro, anche sul riconoscimento dei cadaveri, straziati e massacrati dalle lamiere del bus. Ne sa qualcosa, purtroppo, il fidanzato di Silvana, al quale all’inizio avevano detto che la sua futura sposa era ancora viva. Invece ad essere in vita era Simona, la speranza che si è poi spenta.

Clorinda vuole tornare dal marito e dalle sue ragazze. Per i familiari ora c’è una sola speranza. Si spera che Clorinda non accenda il televisore o sfogli il giornale in questi giorni. Sarebbe il modo peggiore per conoscere l’epilogo dei suoi cari. Sarebbe straziante per lei vedere scorrere le immagini degli occhioni verdi della sua piccola Simona e sentir dire: “Dopo Antonio e Silvana, anche Simona ha lasciato Clorinda”.  

Commenta Stampa
di Emmeggì Riproduzione riservata ©