Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

"Guerra o non guerra i porti restano chiusi": così Salvini getta la maschera


Uno dei fotomontaggi creati e diffusi su Internet per prendere in giro Salvini.
Uno dei fotomontaggi creati e diffusi su Internet per prendere in giro Salvini.
15/04/2019, 14:05

In questi giorni, sui giornali tra le notizie in prima pagina c'è quasi ovunque la guerra in Libia. E quindi non sfugge a nessuno che è facile prevedere un aumento delle persone che cercheranno la salvezza attraverso il mare, in direzione dlel'Italia. Da qui la dichiarazione di Salvini, sul fatto che i porti resteranno chiusi. Con la conferma data oggi, con una nuova dichiarazione sull'argomento: "I colleghi ministri possono dire quello che vogliono, ma finchè faccio io il ministro i porti in Italia rimangono chiusi". Che fa il paio con l'altra. 

In realtà, questa dichiarazione ha un'importanza un po' diversa dalle altre. Per il semplice motivo che smantella in poche parole oltre 30 anni di propaganda politica della Lega. Partiamo da un dato legale: chi scappa da un Paese in guerra, è un rifugiato. E come tale deve essere accolto. Anzi, se possibile - dicono i trattati internazionali - bisogna creare degli appositi corridoi verso i Paesi vicini. Di conseguenza, non solo l'Italia dovrebbe accogliere tutti i migranti che arrivano dalla Libia, ma dovrebbe mandare le proprie navi al limite delle acque territoriali libiche (e se possibile anche all'interno delle acque territoriali) per aiutare quante più persone possibile. Ma ovviamente, l'Italia ha un governo troppo xenofobo per farlo. 

E ora passiamo alla propaganda della Lega. Che l'ha fatta da padrona negli ultimi anni, scatenandosi soprattutto contro gli stranieri ed istigando la gente all'odio e alla violenza contro di loro. Una delle balle più raccontate è stata quella secondo cui sui gommoni arrivano i terroristi dlel'ISIS. Ma è una balla che non regge, se una persona ha mezzo neurone funzionante e si sofferma 30 secondi a pensarci. Infatti, la vita non è come un film. Non è che il terrorista è uno che prende una pistola o un pacco di esplosivo e sa subito come utilizzarla. Bisogna essere addestrati. Addestrati ad usare i mitra (e ognuno ha caratteristiche proprie, per cui non si può passare da un'arma all'altra per magia), addestrati ad usare gli esplosivi, addestrati a costruire i detonatori, addestrati a mescolarsi con le altre persone. Sì, perchè anche per quello ci vuole un addestramento. Ma addestrare una persona significa "spendere" tempo e denaro in quantità. E volete che i dirigenti dlel'ISIS, dopo aver speso così tanti soldi, mandino il terrorista a morire annegato? Mai più. I terroristi arrivano in Europa con l'aereo, in giacca e cravatta e con un bel passaporto falso perfettamente imitato. E passano tranquillamente al metal detector, con i poliziotti che rivolgono un bel saluto. 

Ultimamente invece andava di moda la balla dei "migranti economici". Cioè la Lega sosteneva che coloro che arrivavano erano persone più o meno benestanti che improvvisamente lasciavano il loro Paese, attraversavano il deserto del Sahara e il Mar Mediterraneo su mezzi di fortuna e solo per venire in Italia a raccogliere pomodori e arance a 10 euro al giorno, quando va bene. Quindi non potevano sbarcare, sosteneva Salvini, perchè vengono in Italia a rubare il lavoro agli italiani. Perchè si sa che è il sogno di ogni italiano lavorare tutta la giornata nei campi per 10 euro al giorno...

Quando si diffuse in Africa Ebola, i leghisti sostennero che tra i migranti c'erano malati di Ebola. Negli altri momenti, sostengono che sono malati di TBC e di qualsiasi altra malattia gli venga in mente. In realtà, l'Oms da tempo ha stabilito che i migranti portano malattie superficiali come la scabbia, ma niente di più. Se contraggono malattie più gravi, lo fanno in Europa perchè non hanno accesso ad ambienti salubri e alle medicine giuste. Per quanto riguarda Ebola, la balla è ancora più grossa: è una malattia che - senza cure - porta alla morte in una decina di giorni al massimo. E per due terzi del tempo il paziente è così debole da non potersi alzare dal letto. Inoltre, la caratteristica dell'Ebola è che provoca emorragie. Qualcuno pensa che uno possa essere così debole da non riuscire a camminare e possa perdere sangue dal naso e da ogni orifizio del corpo senza che nessuno se ne accorga? Senza contare che ci vogliono ben più di tre o quattro giorni (e anche più di 10) per attraversare il deserto del Sahara su mezzi di fortuna e poi attraversare il Mediterraneo su un gommone malridotto. 

Quindi, che queste fossero balle era evidente. Ma la frase di Salvini sui porti chiusi dimostra che anche loro lo sanno che sono balle. Perchè, come ho detto prima, adesso dovrebbero accoglierli. E invece no: per odio, per razzismo, per tutto quello che volete, ma dicono no. Perchè il vero motivo è molto più semplice: la Lega è un partito nazista. E come i nazisti raccontano le stesse balle. I leghisti raccontano che gli stranieri rubano, che portano malattie e che commettono reati, stuproi in particolare. E i nazisti 80 anni fa raccontavano che gli ebrei rubavano e che commettevano stupri sulle donne tedesche. Non arrivavano a dire che portavano malattie, dato che erano tedeschi; ma ci andavano abbastanza vicino. Perchè raccontavano che con lo stupro conta,minavano la "pura razza ariana". Beh, mica possono copiare tutto...

Del resto, queste cose che dicono oggi non sono novità. Molti l'hanno dimenticato, ma i leghisti negli anni '80 urlavano contro i meridionali che salivano al nord per commettere crimini e per portare via il lavoro ai bravi lavoratori della Lombardia e del Veneto. E negli anni '90 urlavano che gli albanesi venivanoin Italia per rubare, per portare via il lavoro agli italiani e portavano malattie. E come dimenticare la bufala che l'allora presidente-dittatore Enver Hoxa aveva aperto le carceri per mandare in Italia tutti i criminali? La prima volta che lo sentii dire in Tv da un giornalista Mediaset risi tanto da sentirmi male, tanto era una cretinata. Poi nel nuovo millennio hanno ricominciato con i meridionali, questa volta estesi anche al centro Italia, che rubavano i soldi al nord, tanto che era necessaria la secessione (anche se loro la chiamavno "devolution"). Andiamo, non mi dite che avete dimenticato "Roma ladrona". E oggi è lo stesso contro i migranti. E come megli anni '80, '90 e 2000, ci sono branchi di deficienti razzisti che ci credono. Solo che raccontare che sono i migranti i cattivi consente a Salvini di beccarsi i voti anche dei razzisti meridionali. 

Qualcuno mi oppone che la Lega ha eletto anche un senatore di colore, Toni Idiwu. Ma questo si ritorce contro l'interlocutore, perchè Idiwu è proprio lo stereotipo del razzista. Pensate alla sua vita: viene da giovane in Italia, proveniente dall'Africa. Crescendo si abitua facilmente all'Italia e diventa un imprenditore, anche di discreto successo. A questo punto, lui vede con paura l'arrivo di altri africani. Teme che questi arrivi riducano la sua possibilità di arricchirsi, di dover spartire la sua ricchezza con gli altri. Ed è sociologicamente dimostrato che l'ignoranza e la ricchezza sono i due elementi di base del razzismo. L'ignoranza ti impedisce di capire l'altro o di provare a farlo; la ricchezza ti rende avido e ti rende difficile accettare la possibilità di ridurre il tuo stato di benessere. Del resto, Idiwu non è l'unico a pensarla così. Mi è capitato di conoscere altri stranieri che votano Lega. Una volta anche una rumena, che lavorava in Tribunale come interprete: mi disse che odiava i propri connazionali perchè temeva di perdere il suo posto di lavoro. 

A questo punto, quale dovrebbe essere la reazione? Come persona democratica, io protesterei contro la Lega e contro chiunque appoggi le sue balle contro i migranti. Come abitante di un Paese che ha l'antifascismo come linea portante della Costituzione, io protesterei perchè i comportamenti della Lega e di chi li sostiene sono di stampo fascista. Come essere umano, protesterei perchè ritengo che bisogna sempre salvare chi fugge dalle guerre; per le discussioni politiche con gli altri Paesi della Ue c'è sempre tempo dopo aver salvato degli innocenti. Ma oltre ad essere italiano, purtroppo sono una persona che non ha illusioni. E so che la maggioranza degli italiani non è nè democratica, nè antifascista nè tutela l'essere umano diverso da se stesso. E quindi la Lega e Salvini continueranno ad essere votati. E con loro, anche chi li sostiene: Movimento 5 Stelle, Fratelli d'Italia, Casapound, ecc. ecc. E se andiamo a sommare i consensi che hanno tutti questi partiti, vediamo che in totale oltre la metà degli italiani non la pensano come me...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©