Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

I grillini e Bersani, una sceneggiata dequalificante


I grillini e Bersani, una sceneggiata dequalificante
27/03/2013, 15:30

Oggi c'è stata la diretta streaming (trasmessa anche da La7) dell'incontro avvenuto tra il segretario del Pd Pierluigi Bersani e i due capigruppo alla Camera e al Senato del Movimento 5 Stelle, Roberta Lombardi e Vito Crimi. Con Bersani anche Enrico Letta. 
C'è da dire che lo spettacolo visto è stato qualcosa di desolante. La povertà politica e dialettica dei grillini è stata tale che, a confronto, persino Bersani - che pure ha ampiamente dimostrato di non essere in grado di fare nulla di buono come politico - è apparso un gigante. Ha presentato proposte concrete e scenari politici alternativi, dando la propria disponibilità. Per avere in risposta cosa? Crimi che leggeva ogni tanto due righe a testa bassa e la Lombardi che ripeteva gli slogan della campagna elettorale di Beppe Grillo. Basta. Per il resto, il vuoto assoluto. Non una controproposta, non una alternativa, niente. Solo una serie di "no". Ordinati dall'esterno, ovviamente. 
Già, perchè questo dettaglio in pochi l'hanno fatto notare. Come mai i grillini hanno voluto lo streaming per questo incontro, mentre non è stato fatto lo stesso per nessuna delle riunioni fatte all'interno del Movimento? Semplicissimo: perchè in questo caso si rispondeva a due esigenze di Beppe Grillo. La prima è quella di poter controllare quello che fanno i grillini. Lui ha mandato un branco di persone assolutamente incapaci, prive di esperienza, ma anche di duttilità mentale e capacità di adattamento. Persone insomma assolutamente inutili in Parlamento, che sono a malapena capaci di riferire due o tre cosette prememorizzate. O di premere un pulsante, a condizione che gli venga detto quale pulsante premere. E d'altronde, pochi giorni fa è stato uno del M5S pochi giorni fa ad ammettere che non hanno presentato leggi perchè non sono assolutamente capaci di scriverne.
Il secondo motivo della diretta streaming era la propaganda politica. Non bisogna dimenticare che dietro il Movimento 5 Stelle c'è la Casaleggio Associati, una azienda che è una delle più importanti nel manipolare le masse attraverso Internet. E le immagini a questo servivano. Infatti subito dopo è uscito un post sul blog di Grillo, pieno di insulti contro Bersani, Berlusconi e tutta la compaglia, in cui rafforza tra i suoi seguaci la convinzione che Lombardi e Crimi hanno agito per il meglio. E non che siano invece una coppia di irresponsabili, come invece sono. Perchè è chiaro che in questo momento, se veramente il Movimento 5 Stelle avesse a cuore i cittadini, dovrebbe dare la propria fiducia al governo, chiarendo che è quella che nella Prima Repubblica veniva chiamata "fiducia tecnica". Cioè una fiducia per permettere al governo di insediarsi, ma senza nessuna garanzia sulla approvazione delle leggi seguenti. Ma un comportamento responsabile è mediaticamente poco appariscente e quindi politicamente poco sfruttabile. E la conseguenza sono le orrende scene viste oggi: un balbettio confuso e quasi irritante da parte di due persone che dovrebbero rappresentare quasi 9 milioni di cittadini. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©