Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

Poche risorse alimentari, molte guerre per accaparrarsele

Il mondo ha fame, bisogna tornare all'agricoltura


Il mondo ha fame, bisogna tornare all'agricoltura
08/12/2012, 15:02

La FAO ha sentenziato che la Terra deve puntare sull'agricoltura. Non ci voleva l'organizzazione mondiale sulla nutrizione globale per dire che per sfamare le persone è indicato aumentare la produzione di cibo, ma analizziamo insieme l'attuale situazione del pianeta. il globo terrestre ospita su una lunga fascia la famosa cintura del grano. La cintura del grano parte dal nord Africa fino alla bassa Russia, l'Ucraina per intenderci. Questa grande area fertile con il surriscaldamento globale si sta restringendo, vuoi per la forte siccità estiva vuoi per il calore che brucia i raccolti ed anche per le torrenziali piogge che spesso vanificano il lavoro degli agricoltori. Nel frattempo la popolazione mondiale cresce ed è desiderosa di sfamarsi quotidianamente. E' storia il fatto che in alcuni paesi il cibo si butta per l'eccedenza mentre in altri si disputano guerre per accaparrarselo. Il nostro pianeta già offre tanto, ma potrebbe offrire di più se lo sfruttassimo appieno per le sue capacità di fornire cibo rispetto alla cementificazione globale che vede impegnati in prima linea i paesi in via di sviluppo.

TERRA MALATA PRODOTTI MALATI - Purtroppo mi viene in mente la regione nella quale vivo: la Campania. La mia regione è stata battezzata dagli antichi come FELIX perchè fertile e dotata quindi di immense distese coltivabili. Purtroppo noi ed altri nostri vicini siamo stati così irresponsabili che abbiamo allestito discariche, legali ed abusive, che hanno rovinato il terreno ed hanno reso allo stesso tempo i suoi prodotti malati.  Tutto questo porta noi esseri umani ad ingerire cibo inquinato che a lungo andare provoca malattie mortali per le quali non si è giunti ad una cura. Nei paesi che vivono di agricoltura, spesso sono quelli più sottosviluppati, c'è stata l 'invasione di multinazionali senza scrupoli che hanno lottizzato i terreni degli agricoltori ed hanno piantato nel terreno semi di tipo "terminator", i quali finiscono la produzione di frutti già dopo un solo raccolto. Il tutto fatto in piena compiacenza con governi corrotti che hanno garantito ai propri cittadini  prodotti liberi dalle proprietà cancerogene utili alla bilancia dell'export della nazione stessa.

QUALCHE PICCOLA SOLUZIONE - Chi vi scrive è un amante della carne (se potessi mangerei anche quella umana) ma è un dato di fatto che il "solo" cibo che diamo agli animali da macello che vivono nel nostro paese basterebbe a garantire un pasto agli abitanti per ben tre volte al giorno. Essere vegetariani non da soddisfazione a tavola, lo so, ma  sarebbe certamente un gesto responsabile diminuire il consumo di carne in favore della quantità di cibo vegetale che così sfamerebbe le bocce vuote del mondo sottosviluppato. Bisognerebbe trovare un accordo per rendere dolce l'immensa acqua marina del pianeta e magari rendere la terra deserta meno arida innaffiandola. Un progetto difficile da attuare? Non lo so, ma la nostra tecnologia può tutto al giorno d'oggi e questa rappresenterebbe una soluzione percorribile se ci fosse l'intenzione dei Governi di rendere accessibile a tutti l'acqua potabile. Chi rinuncerebbe a coltivare il proprio pezzetto di terra per dare inizio ai presupposti basilari della propria vita e della pace di chi condivide con noi il nostro cammino? Solo chi non ha rispetto per la sua e quella degli altri. L'esempio più lampante della malafede dei nostri governi è che invece di garantire la pace nel mondo ospitando profughi di guerra, comprando armi e distruggendo quello che la terra ci ha dato, i nostri politici preferiscono accogliere per poi sfruttare le terre straniere afflitte da guerre e carestie. Un caso su tutti è il Sahara. Secondo l'unione Europea, il deserto africano invece di essere innaffiato, dovrebbe essere riempito con pannelli solari che garantirebbero energia pulita non all'Africa, ma all'Europa stessa. Vale proprio la pena di concludere che quando il potere dell'amore supererà l'amore per il potere, allora sì che avremo la pace e la convivenza possibile.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©