Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

Troppi lati oscuri sul video del secolo

Il video hard della Tommasi: un falso alla napoletana


Il video hard della Tommasi: un falso alla napoletana
27/07/2012, 16:05

Il film della Tommasi è un Fake. Sì avete capito bene è un falso… per di più fatto male. Il regista Guido Maria Ranieri, sconosciutissimo ai must, e la bella subrettina ci hanno fatto il pacco. Gli intenditori del porno hanno gridato allo scandalo, i fan sfegatati dell’ex pupilla di Silvio Berlusconi laureata alla Bocconi sono rimasti delusi, fatto sta che pochi esperti hanno avuto il piacere di denunciare questo falso di pseudo autore. La Tommasi è più porca di Belen, ma non è per nulla partecipe nel film. Da cosa si capisce che il film è un “pezzotto” alla napoletana? Semplicemente perché non si vedono inquadrature totali e l’audio è palesemente doppiato dalla voce della bella Saretta. Inoltre, la scelta di utilizzare parrucche differenti per ogni scena, ci fa intuire che sono state ingaggiate delle sosia per le scene hard, eclissate all’improvviso dalla faccia della bella Saretta che  ammicca alla camera senza però essere inquadrata mai totalmente, cosa davvero inusuale per un film hard di spessore come quello suo. Inutile dire che il film ha venduto sia su internet che in distribuzione, che su sky ma… diciamo ma… non riusciamo proprio a capire come mai il regista Guido Maria Ranieri sia caduto in questi errori grossolani. E’ vero che la fantasia di chi guarda conta di più delle immagini viste, ma è anche vero che la delusione dei fans è stata lapalissiana. Se Belen è stata accusata di essere troppo frigida, la Tommasi invece passerà alla storia per essere una truffatrice. Anche Nadia Macrì ha fatto un porno, ma lì, nonostante i dovuti accorgimenti, si intravedeva che era proprio lei a partecipare nella scena di sesso con il buon Vitale. L’unica cosa genuina del film dell’ex bocconiana? Forse è la scena di sesso orale che la commissione di verifica sulla qualità dei film hard da noi composta è al vaglio di un responso finale. Che dire? In attesa dei pezzotti sulle bancarelle, la Tommasi ci ha già rifilato il suo pacco estivo da qualche milioncino di incasso. Altro che evento dell’anno, questo è il pacco del secolo. Invitiamo il sedicente regista a farci vedere il backstage del film… lì capiremo tutto. 

Commenta Stampa
di CoScienza Riproduzione riservata ©