Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

La Pas: arma impropria da usare contro i bambini


La Pas: arma impropria da usare contro i bambini
13/10/2012, 15:42

Ha destato molto scalpore il video, trasmesso in TV e disponibile anche su Youtube, in cui si vede un bambino di 10 anni che viene trascinato a forza dai poliziotti e dal suo stesso padre, in esecuzione di una sentenza di un giudice civile. 
Tralasciamo l'episodio in sè o il comportamento a dir poco discutibile delle forze dell'ordine, per concentrarci sulla sentenza, che riguardava l'affidamento del bambino per cui c'era la contesa tra padre e madre. Durante il processo, il giudice ha affidato la valutazione del bambino ad un consulente tecnico d'ufficio (cioè un medico iscritto all'apposito albo del Tribunale) che ha sostenuto che il bambino fosse affetto dalla "Sindrome da alienazione genitoriale" o PAS (dalle iniziali del termine in inglese, Parental Alienation Syndome). 
Il problema è che la Pas non esiste, da un punto di vista scientifico. Infatti si tratta di una sindrome che si basa su una valutazione dei comportamenti dei bambini che sono "contesi" tra due genitori separati o divorziati. Quali sarebbero questi comportamenti? Richard Gardner, il medico che ha teorizzato l'esistenza di questa sindrome, ne indica otto. Per cui il bambino mostra di non apprezzare il genitore con cui non convive e al contrario di apprezzare quello con cui vive; disprezza il primo, considera negativo tutto quello che lui fa, mentre l'altro è amato e tuttoq uello che fa è positivo. Spesso il bambino motiva queste preferenze con quelle che possono sembrare motivazioni illogiche, come "Alza sempre la voce quando mi dice di lavarmi i denti". Il bambino spiega che è giunto a queste valutazioni da solo, e non prova alcun senso di colpa nell'accusare uno dei due genitori. Spesso inoltre estende il giudizio negativo anche ai parentio del genitore accusato. 
Basta leggere queste frasi per capire perchè la PAS non è mai stata inserita nel Manuale Diagnostico e statistico delle malattie mentali (può essere considerata la Bibbia delle malattie; se una malattia non vi è inserita, non ha i crismi dell'ufficialità), nè vi sarà inserita nell'edizione del 2013. Infatti quelli che vengono elencati sono i normali sintomi che manifesta qualsiasi bambino abbia un genitore violento o comunque che non gli piace. Insomma, si tratta di una teoria totalmente ascientifica, che può essere vera o meno. Alla fine, poichè nessun medico serio la valuta, viene solamente utilizzata come arma per aggirare e rovesciare le sentenze poco gradite. 
Perchè il punto vero della vicenda è esattamente questo. Premetto che non conosco i genitori, quindi l'episodio mi serve solo come esempio di quello che succede in centinaia di coppie separate che oggi sono in Italia. Ma in un gran numero di casi i figli sono l'ultimo dei problemi dei genitori. Nel senso che spesso avere la custodia di un figlio è solo un mezzo per fare pressione sul partner. Per esempio la donna che sa che l'ex marito ci tiene al figlio, non glielo fa vedere per avere più soldi; o magari solo per ferirlo. Oppure - come sembra essere questo caso, a giudicare dalla reazione del bambino e dalle testimonianze apparse in TV e sui giornali - se il padre ha soldi e/o conoscenze, strappa il bambino alla madre per poter non pagare gli alimenti (magari al termine di un nuovo accordo, con il bambino come ostaggio) oppure per "punirla" di aver deciso la separazione. 
Alla fine chi ne pagherà il prezzo? Ovviamente il bambino. Perchè la Pas serve esattamente a questo: a colpire il bambino. Si sfruttano comportamenti che sono considerabili pressochè normali (in caso di separazione forse l'1 o il 2% dei bambini non sviluppa odio verso uno dei genitori o un senso di colpa verso se stesso) per colpire la madre, dato che di solito è lei l'affidataria del bambino. Per carità: si può discutere caso per caso se la madre sia la scelta migliore (ci sono delle madrio affidatarie che meriterebbero il rogo, per come trattano i figli); si può discutere caso per caso se una madre sta agendo per il bene del bambino o lo sta usando solo come arma di ricatto verso il padre; e così via. Ma queste situazioni vanno valutate caso per caso, da un giudice che sappia valutare le persone. e non inventando malattie inesistenti. 
Purtroppo negli Usa la medicina sta vivendo una involuzione: non si scoprono più le malattie. Si inventano, per poter poi vendere i farmaci. Eh, sì, perchè la PAS poi andrebbe curata con ansiolitici e tranquillanti (ad un bambino di 10 anni), incuranti dei pesantissimi effetti collaterali che queste sostanze hanno su cervello e sistema nervoso.  E' questo a cui  vogliamo aspirare? Bambini imbottiti di farmaci, usati come un pacco o come un oggetto di ricatto tra i genitori? 


PS: Una curiosità, esclusivamente a titolo indicativo: nel cercare le definizioni della PAS ho dato un'occhiata anche a wikipedia. Campeggiava una scritta: "In questo momento, l'utente Blackcat (msg) sta apportando modifiche radicali a questa voce o sezione". Sarebbe interessante sapere quali sono le modifiche...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©