Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

Le balle di Natale di Luigi Di Maio


Le balle di Natale di Luigi Di Maio
24/12/2018, 13:44

Come è noto, nella notte di sabato Movimento 5 Stelle e Lega hanno approvato la manovra di bilancio. Una manovra decisamente pessima, come hanno riportato tutti i giornali. Ma ho trovato divertente che il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio abbia pubblicato sui social network un elenco - scritto a mano, il massimo della professionalità - delle cose che secondo lui sarebbero state fatte e con accanto ad ognuno la scritta "Fatto". E' l'immagine allegata. Però adesso vediamo quali di queste cose sono state fatte davvero...

- Nessun aumento dell'Iva: Mi spiace deludere il caro Di Maio ma l'Iva è stata aumentata. Perchè loro hanno aumentato le clausole di salvaguardia al 25% nel 2020 e al 26% nel 2021. Significa che per evitare questi aumenti di Iva, il governo nella prossima manovra di bilancio dovrà trovare 23 miliardi di euro e ne dovrà trovare 29 nella manovra di bilancio del 2020. Certo, non l'ha aumentata nel 2019, ma ha messo una pesante ipoteca sulle nostre teste. E per far capire la differenza, quest'anno le clausole di salvaguardia erano solo per un totale di 12 miliardi, cioè la metà di quello che dovranno fare l'anno prossimo. 

- Aumento pensioni minime: Al momento, non c'è stato nessun aumento di pensioni minime. C'è la promessa (ed è da vedere se verrà mantenuta) di aumentare le pensioni a 780 euro, ma solo per 500 mila dei 3,2 milioni di persone che prendono la pensione al minimo. Quindi, comunque la si veda, si tratta di una cosa che non è stata fatta. 

- Reddito di cittadinanza: Beh, qui siamo alla barzelletta. E il motivo è nelle cifre. Sono stati stanziati 6 miliardi di euro per il reddito di cittadinanza. Se deve servire a 6 milioni di persone povere e se ciascuno deve avere 780 euro al mese, come promette Di Maio, basta una semplice calcolatrice per capire che per funzionare il reddito di cittadinanza deve partire il 20 novembre, per essere coperto. E comunque non c'è alcuna legge in proposito, solo le promesse di Di Maio. Mi scuserete se penso che come garanzia non è proprio il massimo. 

- Quota 100 per superare la Fornero: Anche qui, siamo a livello di frasi, di promesse, ma nella manovra di bilancio non c'è niente in proposito. Le anticipazioni lette sui giornali dicono che ci sarà un taglio per coloro che andranno in pensione prima dei 67 anni, taglio che può arrivare al 30%. Quello che è certo è che non c'è alcuna legge in proposito, adesso. 

- Aumento pensione invalidi: Non c'è nulla in proposito nella manovra di bilancio. 

- Taglio pensioni d'oro: Questo è stato fatto, ma è una legge incostituzionale (la Corte Costituzionale si è già espressa due volte in proposito) e quindi dovremo risarcire i pensionati con tanto di interessi. E' una manovra di propaganda, ma costerà decine di milioni ai cittadini italiani. 

- Taglio fondi all'editoria: Anche questo è stato fatto, ma riguarda solo i mass media legati ai partiti. Per intenderci, non riguarda Repubblica o il Corriere, ma riguarda per esempio Radio Radicale. 

- Esclusione Bolkestein: Fatto, ma è una norma negativa per gli italiani. Lo dimostrano le concessioni ai lidi: pagano pochi euro l'anno e guadagnano migliaia di euro a settimana. 

- Taglio di mezzo miliardo delle spese militari: Dipende da come la si guarda. Se prendiamo tutte le spese militari, compresa la conferma dell'acquisto degli F-35, non c'è stato alcun taglio. 

- Tempo prolungato nelle scuole: Anche questa è una promessa, quella di assumere migliaia di insegnanti. Vedremo. Ma comunque è qualcosa che riguarda l'anno scolastico 2020-2021, quindi bisogna vedere cosa succederà. 

- Taglio del 30% dei premi Inail per aziende: Veramente sono stati tagliati i soldi dell'Inail per la sicurezza dei lavoratori, cosa che aumenterà i lavoratori che muoiono sul posto di lavoro. Vale lo stesso? No. 

- 10 miliardi e mezzo per il dissesto ideogeologico: Sono stati stanziati 800 milioni per il 2019 e 900 milioni per il 2020 e per il 2021. Totale, 2,6 miliardi. O mi dicono in quale voce sono nascosti otto miliardi oppure è una menzogna. 

- 1,5 miliardi per i truffati dalle banche: In realtà, è una norma con il trucco. Infatti, nella manovra finanziaria viene scritto che vengono risarciti al 30% (quindi comunque è un risarcimento relativo) quelli che sono stati truffati dalle banche "messe in liquidazione coatta". E questo esclude la maggior parte delle banche che hanno avuto difficoltà negli ultimi anni. Quando si parla di "truffati dalle banche", tutti pensano alla Banca Etruria.Ecco, quella non è compresa. La cosa riguarda solo due banche venete, i cui risparmiatori potranno essere risarciti; tutti gli altri, si appendono. Ognuno può valutare se questo è "fatto". 

- Assunzione 12 mila persone per la pulizia nelle scuole: Anche questa è una promessa, come quella del tempo prolungato nelle scuole. Bisognerà vedere se la promessa viene realizzata. 

- Aumento fondi alla ricerca: come si aumentano i fondi alla ricerca, se viene bloccata l'assunzione di nuovi ricercatori fino al 15 novembre 2019?

- 6000 euro di incentivi alle auto elettriche: sì, questo è stato fatto. Le persone ricche che possono spendere 50-60 mila euro per un'auto elettrica ne saranno felicissimi. Gli altri che comprano auto ibride dovranno accontentarsi, nella migliore delle ipotesi, di qualche centinaio di euro. E saranno cavoli amari per chi compra auto a bnezina o diesel. 

- 1 miliardo di euro in più alla sanità: questi si sono dispersi lungo la strada che ha fatto la finanziaria da Bruxelles a Roma. 

Come si vede, ben poco di quello che Di Maio ha segnato come "fatto" lo è stato davvero. Ma non contento, il Ministro del Lavoro ha fatto il bis. E così ecco un altro foglietto, diffuso domenica sui social network, con le voci "vero" e "falso" da barrare. E quindi andiamo ad esaminare anche quello. 

- Aumento dell'Iva: Come ho detto prima, è vero, anche se Di Maio ha scritto di no

- Taglio pensioni normali: Di Maio scrive che è falso, e tecnicamente ha ragione, in quanto non vengono tagliate le pensioni, ma l'adeguamento Istat. Il che non toglie che vengono tolti i soldi dalle tasche di chi ha pensioni da 1100-1200 euro netti al mese. E quindi nella sostanza è una affermazione vera. E comunque è probabile che sia incostituzionale.

- Taglio pensioni d'oro: come ho già detto, vero ma incostituzionale. 

- Riduzione investimenti: Di Maio scrive che è falso, ma in realtà è verissimo: 6,5 miliardi in meno. E questo è scritto nero su bianco, non è contestabile. 

- Si supera la Fornero: Rimando a quello che ho scritto prima sulla quota 100. (non è colpa mia se Di Maio si ripete)

- Riduciamo la platea del reddito di cittadinanza: Di Maio scrive che è falso, ma i soldi stanziati non consentono alternativa: o si riduce la platea o si riduce la somma da 780 a 85 euro al mese. Oppure si riducono entrambe. Non si sa perchè come ho detto non c'è la legge. 

- Blocco delle assunzioni dei ricercatori: Di Maio scrive che è falso ma c'è il blocco delle assunzioni fino al 15 novembre. Quindi i privati possono assumerli, ma il grosso delle assunzioni dei ricercatori avviene ad opera di enti pubblici. E loro non possono assumere nessuno. 

Come si vede, anche questo secondo foglio è un elenco di balle. Però è interessante notare una cosa: sono decine le persone che ho visto che hanno pubblicato la foto di Di Maio e molte di più quelle che hanno retwittato o condiviso l'intero post del Ministro del Lavoro. Il che significa che c'è stata una diffusione a tappeto, grazie agli influencers della Casaleggio & Associati. Ed è questa la forza del Movimento 5 Stelle, quello che ha permesso loro di diventare il primo partito d'Italia. Possono applicare un tale bombardamento di menzogne da sovrastare qualsiasi altra voce. Mentre invece non c'è la stessa granitica compattezza dall'altra parte. 

Facciamo un esempio, prendendo proprio queste due fotografie postate da Di Maio. Se sommiamo tutti i retwitt e le dcondivisioni, arriviamo a centinaia di migliaia di account che l'hanno diffuso; forse anche un milione. Dall'altra parte, molti giornali - come me - hanno fatto articoli in cui sbugiardavano Di Maio, ma nessuno ha avuto la stessa diffusione. Anche perchè, diciamocelo chiaramente, è molto facile fare un fogliettino e scrivere "fatto", come un bambino di prima elementare. Ma se vuoi smentire le menzogne di quel fogliettoi, devi impiegare molto tempo e fare un lungo articolo. Siamo sicuri che gli italiani lo leggano? Io comincio a dubitare che il 90% degli italiani riesca a superare le 30 parole, prima di cambiare pagina... 

E anche questo torna a favore di M5S e Lega: ci vuole poco a fare affermazioni fasulle. Prendiamo la Lega. Ci vuole poco a dire: "Gli immigrati sono tutti criminali, ammazziamoli". Ma se uno vuole spiegare che per esempio su 100 persone, siano esse italiane o straniere, 6 sono criminali, deve fare un lungo discorso. Se uno vuole spiegare che ci sono tanti stranieri in carcere è solo per il razzismo e per le scelte sbagliate dei giudici (ultimo esempio in ordine di tempo a Napoli: 6 persone condannate per aver stuprato per due anni una tredicenne sono tutti a casa, neanche un giorno di carcere vero), deve fare un lungo discorso. Se uno vuole spiegare che la flat tax è un danno alle finanze dello Stato e quindi ai cittadini, deve fare un lungo discorso. Mentre a loro bastano 3 secondi per raccontare una fake news. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©