Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

Resta comunque nominabile Presidente del Consiglio

Monti non candidabile? Ovvio. Ma se la gente è ignorante...


Monti non candidabile? Ovvio. Ma se la gente è ignorante...
24/11/2012, 15:30

Ha destato polemiche e proteste la dichiarazione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, secondo cui Mario Monti non è candidabile alle prossime elezioni politiche nazionali. 
Polemiche e proteste assolutamente infondate, ma che danno la misura di quanto sia grande l'ignoranza nel nostro Paese, persino delle cose più elementari. Infatti la dichiarazione è assolutamente lapalissiana, dato che Mario Monti è senatore a vita. Quindi, come può candidarsi se è già stato eletto? Il problema non si porrebbe nemmeno, se solo ci si ricordasse la Costituzione. 
Il che non esclude che possa essere indicato come premier, se la cosa fa tanto felice Pierferdinando Casini e Gianfranco Fini. Nè che possa essere indicato come Presidente del Consiglio incaricato dopo le elezioni, come vuole Napolitano (il quale come al solito travalica i suoi compiti e le sue funzioni, ma ormai è talmente un'abitudine che nessuno ci fa caso). Nè che, come sostiene qualche improbabile voce, diventi Presidente della Repubblica. 
Tuttavia è notevole notare l'altissimo livello di ignoranza che vige anche sulle cose che dovrebbero essere più importanti per il cittadino, come è la Costituzione. Queste cose dovrebbero essere talmente risapute, da non destare alcuna sorpresa o scandalo. E invece su questo si instaurano discussioni, dibattiti, ecc. Naturalmente poi, il fatto che la situazione sia questa, non vuol dire che Monti possa essere la migliore scelta per l'Italia, viste le pessime performance che il suo governo sta compiendo. Ma è l'ombrello ideale per molti partiti, per continuare a mangiare sulle spalle degli italiani, Ecco perchè sono in tanti che agiscono per ottenere una vittoria incompleta alle prossime elezioni. Ed è per questo che anche il Pd sta lavorando per una alleanza con l'Udc da attuare solo dopo le elezioni: prima un "tutti contro tutti", che sancirà una possibile vittoria del Pd; poi l'alleanza con l'Udc per avere una maggioranza solida. Ed un governo Monti questa volta con più ministri politici, rispetto all'attuale. 
Ma al di là di queste previsioni, resta il fatto di quanto la gente sia manipolabile. Tranne una piccola minoranza, il resto è facilmente manipolabile: basta servirgli una storiella che tocchi l'emotività (indignazione e rabbia sono sentimenti che vengono stimoplati molto facilmente) e l'italiano medio è disposto a credere a qualsiasi cretinata.
E questo non dipende dal livello culturale. Personalmente ho visto anche fior di laureati cadere come pere nelle notizie più stupide e più palesemente inventate. Questo perchè manca una cosa che è più importante della laurea: il senso critico. La capacità di diffidare non per principio, ma solo finchè non siano chiari tutti gli aspetti della situazione. 
Possibile che non si possa fare niente? Queste sono cose che si devono insegnare a scuola, e bisogna che ci siano insegnanti preparati allo scopo. Un requisito difficile da ottenere. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©