Editoriali / Capitani coraggiosi

Commenta Stampa

L'editoriale di Varriale - Le Pagelle

Napoli cinico, ma vincente. Vergogna San Paolo

Insigne che piacere la nazionale... ma non è pronto

Ecco lo spettacolo regalato dal sindaco e dal presidente del Calcio Napoli
Ecco lo spettacolo regalato dal sindaco e dal presidente del Calcio Napoli
02/09/2012, 23:30

Un Napoli sottotono ha debuttato alla grande in un San Paolo che è già un ricordo per DeLa e DeMa. Il manto erboso dello storico stadio partenopeo si è presentato al mondo senza lo strato verde che caratterizza i campi di Serie A. "Un campo di patate" direbbero i calciofili, ma prima che inizi lo scaricabarile istituzionale bocciamo sia il Sindaco che il Presidente perchè non è tollerabile che si mostri un simbolo della città vittima dello scempio più totale. La vittoria del Napoli non ha sconvolto emotivamente Mazzarri che a fine gara ha commentato la prestazione degli azzurri, dando troppo onore ad una Fiorentina che non ha saputo imporsi nel secondo tempo ed ha ceduto terreno agli azzurri. Il Napoli ha dimostrato di saper controllare la partita con un cinismo da grande, ma non ha espresso gioco. Una partita triste, sbloccata da un'azione rocambolesca creata ad hoc da Marek Hamsik, sempre più leader nell'undici azzurro da quando Lavezzi è scappato da Napoli, e da una rete di Dzemaili che ci fa dimenticare l'assenza di un giocatore capace di tirare dalla lunga distanza patita in tutti questi anni. Male Insigne. Lorenzo è meno magnifico in serie A, ma lasciamolo maturare e soprattutto speriamo che sia messo nella condizione fisica di poter reggere il ritmo della serie A. Bei numeri, bella altrettanto la spavalderia che caratterizza i giocatori esperti, ma il trequartista partenopeo deve ancora lavorare molto e sono convinto che non sia pronto per la nazionale. In cuor mio, però, può solo farmi piacere che un calciatore campano del Napoli è stato convocato nella Nazionale. I tre punti contro la Fiorentina sono preziosi quanto i tre conquistati al Barbera, il Napoli promette bene così come promette meno la qualità tecnica del campionato che spiega di per se il mercato povero del presidente De Laurentiis. Se fare punti significa vedere una partita come quella vista oggi ogni domenica, allora ci aspetta assistere ad una stagione noiosa con tanto di scudetto.

De Sanctis 6

Campagnaro 6

Cannavaro 6,5  

Britos 6,5

 Maggio 6,5

Behrami 7

Dzemaili 7,5

Hamsik 7

Zuniga 7

Insigne 5,5

Cavani 6

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©