Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

Fallito il boicottaggio al Pdl di Nitto Palma

Politiche 2013: Campania, Caldoro il vero sconfitto

Il coordinatore regionale azzurro unico vincitore

.

Politiche 2013: Campania, Caldoro il vero sconfitto
27/02/2013, 12:05

NAPOLI - Sono tante le dinamiche che emergono dal voto politico 2013, tanti i dati che evidenziano non solo una disaffezione dell’elettorato, ma soprattutto una querelle interna ai vari partiti, sotterranea, tanto da non essere percepita dagli elettori, ma che le urne riportano chiaramente. In Campania, dato eclatante in tutto lo stivale, l’unico vincitore sopra tutti è il senatore Francesco Nitto Palma, coordinatore regionale del partito di Berlusconi, il cui coraggio nell’affrontare uno status quo deflagrante all’interno della compagine regionale, ha condotto ad un successo a dir poco strepitoso, nonostante il boicottaggio operato dallo stesso governatore campano Stefano Caldoro. Il presidente della regione Campania non solo ha fallito nel costruirsi un partito su misura, l’MPA sponsorizzato da Gennaro Salvatore, che dal 2008 ad oggi è letteralmente crollato nei consensi, ma ha funto anche, come dire, da “iettatore” politico ad una coalizione, la sua, da lui sostenuta solo in apparenza. E dato che l’apparenza, nella stragrande maggioranza dei casi inganna, abbiamo trovato la chiosa ideale nelle parole dell’ex governatore Antonio Bassolino. Don Antonio non solo parla del sindaco Masaniello che invece di ‘scassare’ è stato ‘scassato’ ma ha evidenziato chiaramente come de Magistris e Caldoro “si coprano vicendevolmente” in un rapporto che più che istituzionale va ben oltre le rispettive stanze dei bottoni. In questo scenario si inquadra anche la figura di Fulvio Martusciello, il cui prestigio e la cui forte presa sulle giovani generazioni è stata smorzata dall’essere asservito all’incarico affidatogli dal presidente Caldoro. Magari, se il delegato alle attività produttive di palazzo S. Lucia si fosse potuto muovere più liberamente il risultato per il Pdl sarebbe sicuramente stato più tondo.

 

Commenta Stampa
di Girolamo Savonarola
Riproduzione riservata ©