Editoriali / L'opinione

Commenta Stampa

Continua la buffonata sul portiere spagnolo

Reina e le Fake news: nessuno lo vuole ed il Napoli ha la migliore difesa nonostante lui

Troppe raccomandazioni sui giornali. Perchè?

Reina e le Fake news: nessuno lo vuole ed il Napoli ha la migliore difesa nonostante lui
15/12/2017, 13:47

Sotto natale continua la sagra delle buffonate targata Reina – Quillon. Dopo la Fake New d’estate sull’eventuale cessione al PSG, Pepe ed il suo procuratore adesso si sono inventati la pista Milan dopo la rottura di Donnarumma con la società ed i tifosi. Ma la forza di Reina è la stampa napoletana che cerca di legittimarlo ogni giorno con notizie inventate oppure incomplete. E ci sono anche casi di click baiting…

La reazione dei napoletani però oramai fa sorridere perché riproduce alla grande questo senso di rassegnazione dinanzi a un portiere mediocre: “lasciamolo stare: è l’ultimo anno. prima o poi se ne va”, “Uomo spogliatoio, ma in campo fa molti danni”.

Subito pronta la smentita della notizia dal procuratore Quillon che dice “Pepe rifiuta perché ama Napoli e sta bene qui” cosa che non fece quando scappò al Bayern Monaco.

Reina quest’anno gioca meglio dell’anno scorso, ma per un motivo in particolare: il Napoli ha blindato la porta essendo la migliore difesa del campionato con meno tiri. Pepe ha salvato la partita contro il Bologna ed in casi sporadici è stato protagonista di interventi goffi e molto fortunati per via di pali e traverse che gli hanno dato una forte mano. Per non parlare delle volte che è stato letteralmente colpito. Parate che in un computo SERIO non dovrebbero esserci se non con note ben specifiche.

L’uscita dalla Champions grava all’80 per cento su di lui, a detta dei compagni che hanno perso la qualificazione e la partita in Ucraina dove Pepe fu protagonista di due papere sui goal presi, così come lo scudetto al 100% due stagioni fa, dove il Napoli era primo in tutti i reparti tranne che nella porta dove Reina scivolò al 14 posto.

L’anno scorso il Napoli ha chiuso con la seconda difesa del campionato, ma la terza per reti subite, grazie a Reina ovviamente, e in uno scenario di guerra battuta fino all’ultimo punto è chiaro che chi ha affossato il Napoli dei record nonostante l’assenza di Higuain è stato proprio lui, il decimo portiere del campionato.

Ma quest’anno no, per il momento Reina va meglio e va sicuramente spronato, però, sappiamo bene che non ci aiuterà nella corsa scudetto perché Inter, Juve e Roma hanno dei signori portieri che regalano punti, e non tolgono, in barba al principio che il portiere para. Basta vedere la media parate tiri, che capiamo come mai l’idolo dei giornalisti campani, e stranamente non più dei tifosi, sia ovviamente una zavorra ed i dati sulla prima stagione al Napoli, quella che ha fatto davvero impazzire i tifosi ed i giornalisti, ha dimostrato che la differenza tra Roma e Napoli l’hanno fatta i portieri nella scalata al secondo posto. Il Napoli di Benitez, novità del campionato, beffato dalla Roma che acquistò dagli azzurri De Santis che a fine stagione si dimostrò nettamente superiore al bluff Reina.

Ed è proprio questo il motivo che ci induce a parlare di Reina con costanza e grande analisi: è un caso eclatante di Fake News. Fandonie su fandonie raccontate perché dietro il portierone tutto anema e core, si nascondono pressioni ai giornalisti, viaggi premio a Newcastle per intervistare Benitez che lo incensa ma che questa estate lo ha scaricato. La stampa italiana va in giro per i campi stranieri a chiedere agli avversari cosa pensano di Reina. Avete mai sentito qualcuno davanti ai microfoni parlare male di un collega, giocatore o addetto ai lavori? Nonostante questa incessante voglia di legittimare il proprio pensiero artificioso prendendo spunto da testate straniere ed eventi mondani o fatti di cronaca rosa che nulla hanno a che vedere con il calcio, la stampa sportiva partenopea, derisa oramai dai colleghi di tutta Italia è la prima artefice della grande fake new da 5 anni a questa parte: Reina è un grande portiere.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©