Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

2° Corso di “Giornalismo Aerospaziale” presso l’Accademia Aeronautica


2° Corso di “Giornalismo Aerospaziale” presso l’Accademia Aeronautica
23/03/2010, 16:03

POZZUOLI - L’Accademia Aeronautica di Pozzuoli ed il Gruppo Giornalisti Aerospaziali “Sagittario”, con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti della Campania e dell’Associazione Stampa di Napoli, danno vita al 2° Corso di Giornalismo Aerospaziale che sarà ospitato nelle aule dell’Istituto puteolano.
Le lezioni di materie tecnico-aeronautiche saranno tenute da docenti civili e militari dell’Accademia. Quelle di pertinenza giornalistica, da professionisti di chiara fama del settore.
Il corso, completamente gratuito, inizierà l’8 aprile 2010 e si articolerà in 28 lezioni in tre mesi con due lezioni alla settimana.
Al termine delle lezioni sono previste visite alle redazioni di alcuni quotidiani napoletani, alla redazione napoletana della Rai ed al Centro Sperimentale di Volo dell’Aeronautica Militare di Pratica di Mare.
Al corso saranno ammessi 40 giovani. Venti allievi selezionati dall’Accademia e 20 selezionati dal Presidente del Gruppo Sagittario in accordo con il Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania.
I giovani interessati a frequentare il corso dovranno inviare entro e non oltre il giorno 23 marzo 2010 una domanda in carta semplice accompagnata da un curriculum e dai propri recapiti personali ai seguenti indirizzi: Accademia Aeronautica - Direzione Studi – Via S. Gennaro Agnano, 30 c.a.p. 80078 Pozzuoli (NA) e aeroaccademia.std@aeronautica.difesa.it.
L’inizio dei corsi sarà preceduto da una presentazione che avverrà in Accademia il giorno 25 marzo 2010 alle ore 11.00. Da sottolineare che si tratta di un’iniziativa unica nel suo genere in quanto in Italia non esiste nessun altro corso incentrato sul pubblicismo aerospaziale. Nella stessa occasione sarà presentato il premio di Giornalismo Aerospaziale intitolato al compianto collega Giovanni Autuori,già Responsabile dell’Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni dell’Accademia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©