Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

3° Congresso UILCOM Napoli e Campania


3° Congresso UILCOM Napoli e Campania
14/01/2010, 08:01

2000 i lavoratori in mobilità nel settore delle telecomunicazioni (1000 solo in Telecom) ; 500 i lavoratori in cig straordinaria ed in deroga nel settore della carta (tra cartai, cartotecnici e grafici); 300 i lavoratori che hanno perduto il lavoro nel settore spettacolo e più specificamente nel circuito delle sale cinematografiche e multi-cinema, senza contare i tagli effettuati nell’editoria e l’ultima emergenza che riguarda i giovani lavoratori dei call senter di Voi City a Casalnuovo e Vitulazio, dove 150 giovani rischiano di restare senza occupazione: è questo il quadro drammatico del settore delle comunicazioni e dello spettacolo in Campania , negli ultimi quattro anni, settore che non è stato assolutamente graziato dalla crisi, visti i quasi 3000 lavoratori in meno nel settore, così come afferma Mimmo Cascone, segretario generale della UILCOM di Napoli e della Campania che si accinge a celebrare domani , 14 gennaio, dalle 14:30, la prima giornata del Congresso di Categoria, presso l’Hotel Terminus di Napoli, che vedrà tra gli altri anche la partecipazione di Anna Rea, segretario generale della UIL Campania. Una categoria , quella della UILCOM presente su diversi settori, ma che nelle telecomunicazioni, nei call center, coglie le problematiche ed i disagi più dolenti. Crisi a parte, negli ultimi quattro anni si è riusciti ad ottenere anche risultati positivi, ricorda Cascone, come il caso della Cartiera del Tirreno chiusa nel 2007 e riaperta l’anno successivo, fino all’inversione di rotta e al risorgimento del Massimo napoletano. L’obiettivo della UILCOM di Napoli e della Campania che rielegge segretario generale e segreteria è non permettere la perdita di altri posti di lavoro, perché come dice Cascone, gli accordi si fanno per tutelare il lavoro ed i lavoratori, mentre le battaglie di principio servono a poco.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©