Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

A Caserta i vertici nazionali e regionali del COISP


A Caserta i vertici nazionali e regionali del COISP
22/02/2011, 16:02

Si svolgerà domani pomeriggio presso la Scuola Allievi Agenti di Caserta, la prevista visita del Segretario Generale del sindacato di polizia Coisp Franco Maccari, per la Conferenza Sindacale con gli agenti impegnati nel nuovo percorso professionale , mentre giovedì mattina sarà presente alla sala multimediale della Questura di Caserta per incontrare i poliziotti di Terra di Lavoro . La visita è la seconda in brevissimo tempo del leader nazionale Coisp in Campania.
La scelta della città di Caserta non è affatto casuale in quanto in tal modo si vuol far sentire la vicinanza dell'organizzazione sindacale a chi opera in una realtà particolarmente difficile dal punto di vista lavorativo . All'evento sarà presente, con la propria delegazione, anche il casertano Segretario Regionale Giuseppe Raimondi accompagnato dalla responsabile regionale sindacale per le "Pari Opportunità" Mariarosaria Pugliese. "La visita del nostro segretario generale - dichiara il segretario regionale Giuseppe Raimondi- è motivo di grande orgoglio per noi. È la dimostrazione concreta della vicinanza dei nostri vertici ai poliziotti casertani e campani in genere. È l'ennesimo segnale - prosegue Raimondi - che stiamo operando in modo giusto. Molta strada è stata fatta da questo sindacato di polizia nell'ultimo periodo e l'incontro è la dimostrazione concreta della filosofia del Coisp che si esprime in più fatti e meno parole".
Il Segretario Provinciale di Caserta Claudio Trematerra ha chiesto e ottenuto la presenza dei massimi livelli sindacali nazionale e regionale proprio qui a Caserta, territorio martoriato dalla micro e macro criminalità . "Il casertano - dichiara il segretario provinciale di Caserta Claudio Trematerra - è un territorio con caratteristiche socio criminologiche particolarmente difficili. Una zona in cui gli operatori di polizia si trovano ogni giorno a confrontarsi con una realtà criminale in continua evoluzione. Gli stessi, nonostante le grandi difficoltà logistiche quali la carenza di mezzi e di personale, riescono a dare un notevole contributo umano e professionale. A ciò va aggiunta la pessima decisione economica nei confronti del Comparto Sicurezza che per l'ennesima volta è costretto a subire tagli indiscriminati, tutto a danno degli operatori e della sicurezza . Più volte abbiamo lamentato la cronica carenza di mezzi e uomini ma sembra che a nessuno interessa. A questo punto – termina Trematerra - credo che il modello Caserta sia, per il nostro Ministro, lavorare a titolo gratuito, senza uomini e senza mezzi . Bene con queste condizioni non credo si possa mai contrastare la criminalità di questa provincia”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©