Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

A Salerno giornate di studio "Percorsi per una sanità sostenibile: pubblico, privato e ricerca",


A Salerno giornate di studio 'Percorsi per una sanità sostenibile: pubblico, privato e ricerca',
03/12/2012, 14:14

A pochi giorni dall’approvazione del “decreto-Balduzzi” e dall’emanazione del decreto-regolamento sugli standard per l’assistenza ospedaliera, l’Università di Salerno ospita una “due giorni” per riflettere sulle prospettive di sostenibilità del nostro sistema sanitario, sulle collaborazioni possibili tra le parti pubbliche e private, e sulla capacità della ricerca di generare valore per la salute, in un periodo di contenimento delle risorse destinate al settore e di profonda revisione dei meccanismi di gestione. Sono questi i temi al centro del convegno “Percorsi per una sanità sostenibile: pubblico, privato e ricerca”, organizzato dal Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie (DAOSan). Il primo appuntamento è previsto lunedì 3 dicembre, con inizio alle ore 9.00, presso l’Aula delle Lauree della Facoltà di Ingegneria del Campus universitario di Fisciano (SA). Il secondo incontro si terrà giovedì 13 dicembre, alle ore 15.30, presso l’Aula delle Lauree della Facoltà di Scienze Politiche.

<<Abbiamo voluto riunire personalità di spicco del settore per discutere dei nodi critici che attanagliano i sistemi sanitari delle regioni meridionali, che, in questo periodo storico, sono chiamati a dare risposte concrete al bisogno di cura ed assistenza e, contestualmente, a riconsiderare profondamente i propri approcci all’organizzazione e alla gestione delle aziende sanitarie ed ospedaliere. – afferma la prof.ssa Paola Adinolfi, direttore del Master DAOSan – L’auspicio è che dai due momenti di incontro possa derivare un’armonizzazione delle voci di quanti sono chiamati ad operare scelte complesse in contesti altamente critici, e che l’Università possa fare da “collante culturale” tra le diverse parti, tracciando la via per un dialogo interistituzionale>>.

All’evento, patrocinato dall’Accademia Italiana di Economia Aziendale – AIDEA,  parteciperanno esponenti chiave del settore sanitario ed alti rappresentanti delle istituzioni regionali. Tra gli altri: Raffaele Calabrò, Consigliere per la Salute della Regione Campania; Fulvio Moirano, Direttore AgeNaS e Presidente del Comitato Scientifico del Master DAOSan; Bruno Ravera, Presidente Ordine dei Medici di Salerno; Francesco Bevere, Direttore Generale della Programmazione Sanitaria del Ministero della Salute; Nicola Rosato, Sub Commissario alla Sanità della Regione Molise; Giovanni De Virgilio, Capo Ufficio Relazioni Esterne Istituto Superiore di Sanità; Ivan Cavicchi, docente di Sociologia delle organizzazioni sanitarie e Filosofia della medicina; Lia Bertoli, Direttore Generale ARSAN Campania;  Maurizio Agostini, Direzione Tecnico-Scientifica Farmindustria; Ottavio Coriglioni, Presidente Gruppo Sanità Confindustria Campania; Antonio D’Avanzo, Presidente Ordine dei Medici di Avellino; Carlo Melchionna, Vice Presidente Nazionale ANAAO ASSOMED; Giovanni Persico, Direttore Generale AOU “Federico II” – Napoli; Elvira Lenzi, Direttore Generale AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona – Salerno; Mario Marra, Direttore Generale ASP Potenza; Michele Rossi, Direttore Generale ASL Benevento; Antonio Squillante, Direttore Generale ASL Salerno; Giampiero Maruggi, Direttore Generale A.O. San Carlo – Potenza; Antonio Giordano, Direttore Generale A.O. Ospedale dei Colli - Napoli; Annamaria Minicucci, Direttore Generale A.O. Santobono-Pausilipon - Napoli;  Tonino Pedicini, Direttore Generale IRCCS Pascale – Napoli; Giuseppe Rosato, Direttore Generale A.O. San Giuseppe Moscati – Avellino; Aldo Patriciello, IRCCS Neuromed; Silvestro Scotti, Vice Segretario Nazionale FIMMG; Annalisa Silvestro, Presidente Comitato Centrale IPASVI.

il=?rb?*;mso-bidi-font-family:TrebuchetMS'> 

 

Il kit didattico

Il kit didattico, gratuito, contiene materiali operativi multidisciplinari e si rivolge alle scuole italiane di ogni ordine e grado e agli alunni dagli 8 ai 18 anni.

Gli argomenti trattati dal kit possono essere facilmente integrati nei programmi delle diverse discipline. Diversi gli strumenti a disposizione di insegnanti e studenti per mettersi in gioco da protagonisti: una Guida per il Docente che fornisce tutte le informazioni necessarie a condurre le attività e spunti che permettono di far esercitare specifiche competenze curricolari nei diversi ambiti disciplinari; schede informative, declinate secondo il grado di scuola con spunti per attività in ambito antropologico e tecnico-scientifico; un poster interattivo, un album per ciascun bambino della 4a e 5a classe della Scuola Primaria, un magazine individuale per i ragazzi di Scuola Secondaria di 1° grado e  un taccuino per i ragazzi più grandi che potranno usarlo come personale “guida” per i loro viaggi.

 

Il concorso

Il concorso , aperto a tutte le classi che si iscriveranno, mette in palio per le 9 classi vincitrici, tre a pari merito per ogni grado di scuola, 1.400 euro di bonus per viaggi di istruzione su Italo per studenti e insegnanti.

La sfida per tutti i partecipanti è far scoprire con il proprio “racconto di viaggio”, reale o virtuale, che la scelta di viaggiare oggi su un treno ad alta velocità è una vera e propria esperienza tecnologica che arricchisce il tempo e la qualità degli spostamenti.

Le classi di ogni grado e ordine di scuola possono mettersi alla prova scegliendo lo strumento espressivo preferito.

 

I laboratori

Nel corso dell’anno scolastico è prevista inoltre la realizzazione di diversi laboratori condotti nelle classi da animatori scientifici altamente specializzati che, tramite l’utilizzo di strumenti interattivi e multimediali come i percorsi per la LIM (lavagna interattiva multimediale) guideranno gli studenti alla scoperta del mondo dei treni e dell’alta velocità.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©