Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

A Salerno “Programmazione e gestione di interventi per la conservazione di beni librari e documentari”


A Salerno “Programmazione e gestione di interventi per la conservazione di beni librari e documentari”
11/02/2013, 10:52


                                                                                           

L’Università degli Studi di Salerno ha pubblicato il bando per l’accesso al Corso di aggiornamento e perfezionamento professionale, di durata annuale, per la “Programmazione e gestione di interventi per la conservazione di beni librari e documentari”.

Il Corso è rivolto ai bibliotecari, agli archivisti ed a coloro che si trovano a gestire fondi in strutture o enti di conservazione e di servizio in possesso di diploma di laurea quadriennale o quinquennale, laurea di primo livello, laurea specialistica/magistrale, diploma universitario o altro titolo di studio conseguito all’estero riconosciuto.

Il Corso ha lo scopo di fornire conoscenze approfondite e di tipo specialistico sulla conservazione del patrimonio librario e documentario, con particolare riferimento alle problematiche e alle esigenze presenti in alcune tipologie di biblioteche (pubbliche locali, delle università, scolastiche, ecclesiastiche, di altri enti pubblici e privati) e di archivi (degli enti territoriali, delle università, delle imprese, parrocchiali e conventuali).

 

Il Corso sarà presentato martedì 12 febbraio alle ore 11 presso la Biblioteca Provinciale di Salerno.

All’incontro interverranno Matteo Bottone, Assessore al Patrimonio, Cultura e Beni Culturali della Provincia di Salerno, Barbara Cussino, Dirigente del Settore Musei e Biblioteche della Provincia di Salerno, Maria Galante, Direttore del Corso Ordinario di Paleografia presso il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell'Università degli Studi di Salerno e Giovanni Di Domenico, Associato di Gestione delle Biblioteche presso il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell'Università degli Studi di Salerno.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©