Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

ACMS : La Regione Campania fa solo passerella senza alcun sostegno all’azienda trasporti casertana


ACMS : La Regione Campania fa solo passerella senza alcun sostegno all’azienda trasporti casertana
06/07/2009, 22:07

Il Segretario Provinciale Trasporti UGL Giorgio Donato ha accusato la Regione Campania di ipocrisia e esibizionismo gratuito.
Infatti la gravissima situazione dell’azienda trasporti casertana che và verso l’amministrazione straordinaria, anticamera del fallimento è affrontata con serietà e pragmatismo solo dalla Provincia di Caserta, in persona del Commissario prefettizio Biagio Giliberto, il quale stà sostenendo i costi della gestione liquidatoria della Società e contemporaneamente stà valutando le varie ipotesi di futuro del trasporto pubblico nel casertano.
Il protocollo d’intesa stipulato tra l’EAV, i Liquidatori dell’ACMS e la Regione Campania, ha previsto l’assegnazione di 32 autobus di linea all’azienda casertana, in fase di consegna. Ma oltre agli autobus nulla la Regione ha stanziato per favorire la ripresa della mobilità a Caserta. L’assessore regionale Cascetta è elegantemente intervenuto per la consegna degli autobus nuovi lo scorso 30 giugno e per esternare dichiarazioni politiche generiche. Diversamente il Commissario Giliberto si è impegnato a garantire gli stipendi e anche qualcosa in più, nonostante che il suo ruolo di gestore dell’Ente Provincia sia contraddistinto dall’assoluta provvisorietà.
Altresì si notano segnali di “abbandono” da parte del Comune di Caserta, altro Ente di riferimento dell’ACMS, assente all’assemblea del 29 giugno scorso e “assente” soprattutto nel sostegno finanziario dell’azienda.
L’UGL apprezza dunque l’operato del Commissario Giliberto che stà utilizzando i propri poteri per risolvere o almeno ridimensionare gli sconquassi provocati dalla politica fallimentare di De Franciscis e della sua Giunta, ma ritiene che la Regione Campania debba assumere un impegno concreto sul piano finanziario in sinergia con la Provincia di Caserta per affrontare in modo definitivo la grave situazione dell’ACMS.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©