Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Al via il Progetto “Controvento” all’Ipia di Mondragone


Al via il Progetto “Controvento” all’Ipia di Mondragone
14/11/2009, 09:11


MONDRAGONE - Ha preso il via all’Ipia (Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore) Leonardo da Vinci di Mondragone il progetto “Controvento: educazione alla legalità e alla convivenza civile”. L’iniziativa che si avvale della collaborazione del Comune di Mondragone e del patrocinio della Provincia di Caserta e del Csa (Ufficio scolastico provinciale) vede impegnati attivamente gli studenti in un percorso di educazione alla legalità attraverso una serie di incontri su tematiche diverse e legate al territorio, dalla droga all’alcool, dai rifiuti alla raccolta differenziata, dall’immigrazione all’educazione stradale.

Il progetto è articolato in cinque incontri, sottoforma di conferenze, seminari e dibattiti che troveranno il loro epilogo nel marzo prossimo con una grande manifestazione a Mondragone. “Dopo l’iniziativa del 23 ottobre scorso con il camper della legalità – ricorda il dirigente scolastico Giovanni Battista Abbate - venerdì 20 novembre i ragazzi incontreranno i carabinieri di Mondragone che saranno ospiti del nostro istituto per una intera mattinata. Quindi, il primo dicembre una gita d’istruzione a Roma in visita alla Banca d’Italia”.

Il dirigente scolastico sottolinea poi che “il progetto nasce anche dalla volontà di inserirsi nelle nuove direttive promosse dalla legge 169 del 2008 che è quella di introdurre nelle scuole al posto dell’educazione civica la materia di cittadinanza e costituzione che è un misto tra storia e diritto. Per rendere la materia più semplice ai ragazzi – evidenzia - noi abbiamo voluto calarla in un settore più pratico ovvero quello dell’appropriazione e condivisione del territorio in cui i nostri studenti vivono e non solo toccando l’aspetto ecologico, ma anche culturale e sociale. La realtà della nostra scuola e del suo territorio – conclude il preside Abbate - è molto complessa considerato anche il fatto che ospitiamo una buona parte di ragazzi extracomunitari di altra religione e di altra estrazione culturale per questo motivo importante è anche la collaborazione che le istituzioni locali ci hanno dimostrato con il loro fattivo impegno”. A coadiuvare il preside Abbate nel progetto Controvento il fiduciario dell’Ipia il professore Vincenzo Di Vaio, mentre la docente referente del progetto è la professoressa Giovanna Paolino.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©