Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Alfa Romeo celebra i 50 anni di tre istituzioni centenarie


Alfa Romeo celebra i 50 anni di tre istituzioni centenarie
25/06/2012, 13:06

Quest'anno l'Alfa Romeo festeggia i 50 anni della "Giulia", una vettura particolarmente significativa nella storia centenaria del marchio in quanto ha rappresentato con efficacia il talento tecnico e creativo degli uomini dell'Alfa Romeo in un periodo di eccezionale espansione dell'Azienda.

Lo stile, i contenuti tecnici, le prestazioni, l'affidabilità e le innovazioni sono stati tra gli elementi che hanno decretato il successo della "Giulia": dal 1962 al 1977 è stata venduta in un milione di esemplari, in tutte le sue varianti di carrozzeria ed evoluzioni motoristiche, imponendosi a livello internazionale. Un successo commerciale importante, quindi, che ha certamente contribuito a farne una delle più famose icone automobilistiche dell'Alfa Romeo.

Il 27 giugno del 1962 la "Giulia TI" - questa la denominazione ufficiale - viene presentata alla stampa internazionale sulla pista di Monza, circuito in cui l'Alfa Romeo ha conquistato gran parte dei suoi successi sportivi e ha messo a punto tutte le vetture da corsa fino ai primi anni sessanta. La pista brianzola avrebbe visto, tre anni più tardi, il ritorno ufficiale dell'Alfa Romeo nelle competizioni con la "Giulia Sprint GTA", altra vettura straordinaria della serie Giulia.

In occasione del tributo alla Giulia è stato creato un logo ufficiale che trae le sua origine da una famosissima pubblicità il cui slogan - "l'ha disegnata il vento" - sottolinea l'aerodinamicità della Giulia berlina che aveva un "CX" pari a 0,34, ancora oggi un parametro di rilievo, frutto anche del suo design "rivoluzionario" che ha sempre differenziato la berlina sportiva dalle concorrenti.

I club Alfa Romeo, gli appassionati e i semplici interessati al mondo dell'automobile tributeranno in tutto il mondo un omaggio alla Giulia, che avrà il momento più suggestivo nella giornata del 24 giugno prossimo sulla pista sperimentale di Balocco. La particolare location è stata scelta anche per rendere omaggio ai 50 anni dell'impianto: era infatti il 1962 quando si concludevano i lavori per la realizzazione della pista ubicata a 60 km da Milano e "immersa" nelle risaie del vercellese. Su un'area di 190 ettari, sorge una tracciato che proietta Alfa Romeo tra i primi costruttori in Europa ad avere a disposizione una struttura di questo genere per la sperimentazione e lo sviluppo tecnico delle vetture, da corsa e di serie. L'Autodelta, reparto corse ufficiale dell'Alfa Romeo, è tra le prime a sfruttare questo circuito che riprende diverse curve delle piste più famose, così da poter riprodurre in maniera più fedele possibile il contesto in cui le automobili da corsa vanno a confrontarsi.

Tutti i modelli di serie, dalla Giulia in poi, vengono sviluppati e messi a punto a Balocco: in questo modo l'Alfa Romeo consolida la sua leadership nelle performance dinamiche delle sue vetture, una delle peculiarità universalmente riconosciute al marchio. Oggi, "Balocco Proving Ground" vanta oltre 80 km di piste e tracciati di ogni genere su cui è possibile effettuare pressoché ogni tipo di prova, non solo per le auto ma anche per trattori, camion e mezzi speciali.

Tra l'altro, proprio da Balocco partirà una nuova Giulietta Quadrifoglio Verde alla volta dell'Inghilterra per partecipare a 'Goodwood Festival of Speed', una delle più importanti manifestazioni automobilistiche del mondo. Durante il viaggio il team Alfa Romeo avrà l'opportunità di intervistare gli appassionati degli Alfa Romeo Club delle 7 nazioni coinvolte - Italia, Svizzera, Germania, Francia, Olanda, Belgio e UK - e di documentare l'intera avventura, oltre al festival, con immagini e video postati sia sul sito goodwood.alfaromeo.com sia sull'account Twitter di Giulietta: twitter.com/alfa_giulietta.

Oltre alla "Giulia" e a "Balocco", anche il Registro Italiano Alfa Romeo (R.I.A.R.), uno dei due club ufficiali della Casa insieme alla Scuderia del Portello, quest'anno compie 50 anni. Nel 1962 viene costituito questo sodalizio, tra i più prestigiosi e longevi che a tutt'oggi annovera circa duemila iscritti, un parco vetture tra le più prestigiose e rare, oltre ad un calendario annuale fatto di meeting in Italia e all'estero. Il "Registro" festeggerà il mezzo secolo il prossimo 23 giugno a Cremona, con un evento che coinvolgerà sia gli iscritti sia le istituzioni locali in una terra che nel 1924 ha visto il debutto vincente della "P2", la prima Alfa Romeo ad aver vinto un titolo mondiale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©