Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Aumentano i professori "laici", sono l'88%

Allarme Cei: oltre il 10% degli studenti non fa religione


Allarme Cei: oltre il 10% degli studenti non fa religione
24/02/2012, 10:02

ROMA - E' meglio cancellare l'immagine di una volta: la suora o il sacerdote che inclasse spiega il Vangelo e una classe più o meno attenta ma piena. Secondo il rapporto della Cei sulla scuola, la realtà è ben diversa. Oltre il 10% dei ragazzi (il 10,2% per essere esatti) non frequenta l'ora di religione, nonostante quasi nessun istituto in Italia preveda attività alternative in quell'ora. Anche qui c'è la solita disparità: solo il 2,4% di assenze al sud, contro il 19% del centro Italia e il 24% del nord. E quindi che fanno i ragazzi? Più di uno su due esce dalla scuola, il resto studia altre materie.
Dato interessante anche quello che riguarda gli insegnanti di religione. Nell'anno scolastico 2010/2011 si sono contati in Italia 13166 insegnanti di religione contro i 12894 dell'anno precedente; l'88% di essi non è religioso, ma laico. Un dato che comunque non sorprende: gli insegnanti di religione sono inamovibili, possono solo essere spostati ad un'altra materia; inoltre non devono superare alcun concorso, ma sono nominati dai vescovi della diocesi in cui insegnano. Per cui, in questo periodo di forte riduzione di personale docente, facilmente insegnanti vengono mandati a casa per far posto ad ex insegnanti di religione che cambiano materia; e quindi si apre lo spazio per nuove nomine decise dal vescovo di turno. Con buona pace del merito e della fatica nel fare i concorsi che tocca agli insegnanti che non hanno santi in paradiso (e vescovi sulla terra).

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©