Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

ANDARE A LETTO PRESTO PER ANDAR BENE A SCUOLA


ANDARE A LETTO PRESTO PER ANDAR BENE A SCUOLA
28/08/2008, 13:08

Più bravi a scuola se a letto si va presto. Uno studio giapponese in materia di sonno evidenzia come i bambini che hanno questa abitudine, conseguano migliori risultati a scuola rispetto ai coetanei che fanno nottata, magari davanti a tv e videogame.

Ci voleva uno studio per dirlo? Forse. Stando alla ricerca, condotta nel 2007 da Yasuko Kamikawa, professoressa dell'università di Toyama, i bambini che vanno a letto prima delle 22 non solo godono di un sonno più rilassato, ma la mattina seguente si svegliano completamente ricaricati sia nel fisico sia nella mente, pronti per affrontare al meglio una nuova giornata di impegni.

Lo studio ha preso in considerazione le abitudini giornaliere di 277 bambini delle elementari, dal terzo al sesto anno (in Giappone le scuole elementari durano sei anni), rilevando che il 41% di coloro che andavano a letto prima delle 21 aveva una media di voti di 95/100, un dato che via via è risultato peggiorare progressivamente con il diminuire del sonno.

Ma attenzione. Il gap di risultati scolastici è emerso soprattutto nelle discipline matematiche. Non sono state notate grosse differenze in quelle umanistiche, e questa è una buona notizia per chi ama le tenebre.

Tuttavia i bambini con l’abitudine di guardare la tv o giocare ai videogame per più di tre ore al giorno, principalmente la sera, hanno manifestato la tendenza a dimenticare oggetti, fare sonnellini durante le lezioni, e, ovviamente, prendere brutti voti.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©