Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Anno record per il BMW Group nel 2011


Anno record per il BMW Group nel 2011
19/03/2012, 17:03

Monaco. Nel 2011 il BMW Group ha conseguito record nei volumi di vendite, nel fatturato e nei guadagni. Rispetto all’anno precedente, il fatturato del Gruppo è aumentato del 13,8% arrivando a 68.821 milioni di euro (2010: 60.477 milioni). In termini di guadagni, il profitto lordo (EBT) è cresciuto del 52,1% a 7.383 milioni di euro (2010: 4.853 milioni), il profitto prima del risultato finanziario (EBIT) è cresciuto del 56,9% a 8.018 milioni di euro (2010: 5.111 milioni) ed il profitto netto del Gruppo del 51,3% a 4.907 milioni di euro (2010: 3.243 milioni). Il numero totale di auto dei marchi BMW, MINI e Rolls-Royce consegnato ai clienti è aumentato del 14,2%, arrivando alla nuova cifra record di 1.668.982 unità (2010: 1.461.166).

In vista di questa eccezionale performance, il BMW Group intende consentire ai suoi azionisti di partecipare in modo significativo al successo dell’azienda. Il Consiglio di Amministrazione ed il Consiglio di Sorveglianza proporranno agli azionisti, in occasione dell’Assemblea Generale Annuale del 16 maggio 2012, che il dividendo sia portato al nuovo elevato livello di 2,30 euro (2010: €1,30) per azione ordinaria e di 2,32 euro per azione privilegiata (2010: €1,32), pari ad un payout ratio del 30,7%.

“Lo scorso anno è stato il migliore nella storia aziendale del BMW Group. Abbiamo raggiunto nuovi record nei volumi di vendite, nel fatturato e nei guadagni e abbiamo superato i nostri obiettivi”, ha dichiarato Norbert Reithofer, Presidente del Consiglio di Amministrazione di BMW AG martedì a Monaco.


Il margine EBIT della Divisione Auto cresce dell’11,8%

Anche la Divisione Auto ha fatto registrare cifre record per il 2011. Il fatturato è aumentato del 16,8% a 63.229 milioni di euro (2010: 54.137 milioni). L’EBIT è cresciuto del 71,7% a 7.477 milioni di euro (2010: 4.355 milioni) ed il profitto lordo del 75,5% a 6.823 milioni di euro (2010: 3.887 milioni). Il margine EBIT per la Divisione Auto è stato quindi dell’11,8%, rispetto al margine EBIT per l’anno intero di “over 10%, precedentemente previsto per la Divisione Auto. I fattori principali che hanno contribuito al significativo aumento nei guadagni della Divisione sono da attribuire, da una parte, al forte rialzo nei volumi di vendite e, dall’altra, all’ottimizzazione dei costi.

Nel 2011 il marchio BMW ha stabilito un nuovo record nei volumi di vendite, facendo registrare un aumento del 12,8% salendo a 1.380.384 unità (2010: 1.224.280). Le vendite della BMW Serie 3 sono rimaste elevate con 384.464 unità (2010: 399.009; -3,6%), nonostante il cambio di modello. La nuova BMW Serie 3 Berlina è disponibile in tutto il mondo dall’11 febbraio 2012. Le vendite della BMW Serie 5 sono aumentate del 39,4% a 332.501 unità (2010: 238.454), rimanendo così leader del mercato nel suo segmento. La BMW Serie 6, che ha visto i lanci della nuova Cabrio nella primavera del 2011 e della nuova Coupé in autunno, ha aumentato le sue vendite del 60,7% a 9.396 unità (2010: 5.848).

La BMW Serie 7, l’ammiraglia della Casa di Monaco, ha continuato le sue buone performance, con la vendita di 68.774 unità nel 2011 (2010: 65.814), pari ad un incremento del 4,5% rispetto all’anno precedente. Anche gli altri modelli della famiglia BMW X continuano a registrare un alto grado di popolarità. Le vendite della BMW X1 sono cresciute del 26,4% a 126.429 unità (2010: 99.990), mentre la BMW X3 ha più che raddoppiato i volumi di vendita, raggiungendo le 117.944 unità (2010: 46.004). Le vendite della BMW X5 sono aumentate del 2,6% a 104.827 unità (2010: 102.178), permettendo a questo modello di grande successo di rimanere leader di mercato nel segmento premium degli Sports Activity Vehicles.

Anche il marchio MINI è riuscito a stabilire un nuovo record di vendite nel 2011. In totale, sono state vendute 285.060 MINI (2010: 234.175), il 21,7% in più rispetto all’anno precedente. La MINI Countryman ha fatto registrare una performance particolarmente buona, con le vendite cresciute di ben sei volte a 89.036 unità (2010: 14.337). La MINI Coupé è stata lanciata a settembre 2011 come quinto modello della famiglia MINI e, a fine anno, aveva già raggiunto le 3.799 unità vendute.

La Rolls-Royce Motor Cars ha continuato a crescere nel 2011, facendo registrare il migliore volume di vendite dei 107 anni della sua storia, con 3.538 automobili (2010: 2.711; +30,5%) consegnate ai clienti.

Lo scorso anno, il BMW Group è stato in grado di aumentare i suoi volumi di vendite in quasi tutti i mercati. In Europa, il numero di auto vendute è cresciuto dell’8,5% a 858.383 unità. Le vendite in Germania sono aumentate del 6,8% a 285.257 unità. Incrementi sono stati registrati anche in Gran Bretagna (167.456 unità; +8,2%), Italia (72.521 unità; +4,9%) e Francia (70.442 unità; +8,6%). I volumi delle vendite registrati in Nord America sono cresciuti del 14,4% a 341.345 unità, comprese le 306.349 unità vendute negli Stati Uniti (+14,9%).

Nel 2011, il BMW Group ha fatto registrare una crescita significativa in Asia, con vendite cresciute del 31,1% a 375.452 unità. Le vendite in Cina sono aumentate del 37,7% a 233.630 unità ed in Giappone del 9,2% a 47.663 unità.


EBIT di 45 milioni di euro per la Divisione Moto nel 2011

La Divisione Moto ha ben performato, nonostante le persistenti e sfavorevoli condizioni del mercato. Il numero di moto vendute in tutto il mondo è aumentato in totale del 3,1%, con 113.572 unità (2010: 110.113). BMW Motorrad è riuscita a far crescere il suo volume di vendite nel 2011, portandolo ad un nuovo livello record di 104.286 unità (2010: 98.047; +6,4%). Le vendite di Husqvarna sono state pesantemente condizionate da diversi fattori, specialmente dalle sfavorevoli condizioni del mercato delle fuoristrada (2011: 9.286 unità / 2010: 12.066; -23,0%).

Il fatturato della Divisione è cresciuto del 10,1% a 1.436 milioni di euro (2010: 1.304 milioni) grazie all’aumento del volume delle vendite. Come conseguenza della ristrutturazione di Husqvarna, l’EBIT è calato a 45 milioni di euro (2010: 71 milioni) ed il profitto lordo a 41 milioni di euro (2010: 65 milioni).


Eccellente performance della Divisione Servizi Finanziari

Anche la Divisione Servizi Finanziari ha fatto registrare una buona performance nel 2011, approfittando di un portafoglio prodotti molto interessante, delle condizioni favorevoli di rifinanziamento e di un migliorato profilo di rischio. Il fatturato della Divisione è aumentato del 5,4% a 17.510 milioni di euro (2010: 16.617 milioni). Il profitto lordo è cresciuto del 47,4% a 1.790 milioni di euro (2010: 1.214 milioni).

Al 31 dicembre 2011, la Divisione Servizi Finanziari gestiva un portafoglio di 3.592.093 contratti di leasing e di finanziamento al credito, il 12,6% in più rispetto ad un anno prima. Il numero di nuovi contratti di leasing e di finanziamento sottoscritti (1.196.610) è stato del 10,5% in più rispetto all’anno precedente. Il volume di nuove attività è stato maggiore rispetto all’anno precedente, sia per il finanziamento al credito (+4,6%) sia per il leasing (+25,0%).

La percentuale di nuovi veicoli del BMW Group finanziati o ceduti in leasing dalla Divisione Servizi Finanziari è stata del 41,1%, 7,1 punti percentuale in meno rispetto all’anno precedente. Il calo è dovuto principalmente al fatto che il mercato cinese è stato per la prima volta inserito in questi valori e in Cina la percentuale di veicoli finanziati o ceduti in leasing è significativamente più bassa rispetto alla media degli altri mercati automobilistici.


Forte aumento nella forza lavoro nel 2011

Durante lo scorso anno, il numero di dipendenti è cresciuto significativamente. Alla fine del 2011, la forza lavoro mondiale ha raggiunto i 100.306 dipendenti, pari ad un incremento del 5,1% (31 dicembre 2010: 95.453 dipendenti). Una delle ragioni alla base di questo aumento è stata l’acquisizione dell’ING Car Lease Group. Inoltre, lavoratori specializzati sono stati assunti, da una parte, per tenere il passo con la forte domanda di veicoli del BMW Group e, dall’altra, per portare avanti lo sviluppo di nuove tecnologie.

Inoltre, sono stati assunti più apprendisti per soddisfare la domanda di lavoratori specializzati del BMW Group, sia in Germania sia all’estero. Questo numero è cresciuto del 2,7% nel corso dell’anno, raggiungendo i 3.899 apprendisti al 31 dicembre 2011.


Reithofer: Il BMW Group prevede un’ulteriore crescita nel 2012

Il BMW Group prevede che i volumi delle vendite continueranno a salire durante il 2012, grazie, in modo particolare, all’affascinante gamma di modelli. “Ci aspettiamo – ha aggiunto Reithofer – di superare nel 2012 il volume delle vendite record dello scorso anno”.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©