Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

ANPAR: "Con la mediazione e l'arbitrato le imprese acquisiscono solo vantaggi competitivi"


ANPAR: 'Con la mediazione e l'arbitrato le imprese acquisiscono solo vantaggi competitivi'
05/10/2012, 11:36

Siamo ovunque anche per l'arbitrato. Affidati in settembre arbitrati nella regione Puglia e Lazio ad arbitri iscritti nell'albo degli arbitri dell'A.N.P.A.R.
Aumentano le imprese  pubbliche e private che  affidano le soluzioni in via arbitrale delle controversie facendole amministrare dalla camera arbitrale  A.N.P.A.R.
Scegliendo l'arbitrato amministrato da A.N.P.A.R. le parti hanno affidato  a quest'ultima  l'amministrazione, la gestione e l'organizzazione del procedimento , che si sta svolgendo in base alle regole contenute nel regolamento arbitrale, a cui l'arbitro unico designato deve attenersi, nel rispetto del principio del contraddittorio,della parità di trattamento, della neutralità e dell'imparzialità. Prima la mediazione obbligatoria e poi la richiesta  alla Camera Arbitrale ANPAR di  farsi risolvere la controversia attraverso un arbitro unico nel rispetto delle tariffe  arbitrali dell'A.N.P.A.R , contenute e ridotte in questo particolare momento di crisi. "Siamo noi che abbiamo fatto e stiamo facendo la storia dell'A.D.R.  dal lontano 1980 con la costituzione, di una associazione  costituita con scrittura privata e poi regolarizzata con atto pubblico nel 1995  - afferma Pecoraro, presidente dell'Associazione Nazio! nale per l'Arbitrato & la Conciliazione. "Siamo orgogliosi che molti ci hanno imitato e continuano ad imitarci . E'  bello vedere che la Campania  è la prima regione d'Italia  per numero di  organizzazioni  che attuano i sistemi di A.D.R.  più in particolare quello della mediazione.  "Oggi qualunque impresa, pubblica o privata che sia per competere sul mercato  deve esaminare  i vantaggi derivanti  dai sistemi alternativi di risoluzioni di controversie. Aderirvi  significa vantaggi sui concorrenti nell'evitare  lungaggini processuali e risparmio degli enormi costi di giustizia".   

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©