Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Rafforzare la lotta alla criminalità organizzata

“Appalto sicuro”, lunedì 17 febbraio partono le lezioni a Napoli

Sensibilizzare le amministrazioni locali

“Appalto sicuro”, lunedì 17 febbraio partono le lezioni a Napoli
11/02/2014, 12:54

Obiettivo: rafforzare la lotta alle infiltrazioni della criminalità organizzata in un settore importante come quello degli appalti pubblici preparando gli addetti ai lavori con un metodo didattico innovativo.

Prenderanno il via a Napoli lunedì 17 febbraio alle ore 8.30 tre nuove aule del corso di formazione del progetto “Appalto sicuro”, nato da un accordo tra il Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno e la Presidenza del Consiglio dei ministri (Dipartimento della Funzione pubblica), finanziato dal PON Sicurezza 2007-2013 e curato da Formez PA.

Una si terrà presso il centro congressi del Ramada Naples hotel, in via Galileo Ferraris 40, e altre due nella Sala auditorium della Provincia, in via Don Bosco 4/F.

Ai 113 funzionari appartenenti alla pubblica amministrazione, tra le quali la Provincia del capoluogo campano e i Comuni di Napoli e di Casola, verranno fornite le istruzioni necessarie per contrastare il fenomeno attraverso un percorso formativo di 60 ore complessive incentrato sulla dettagliata analisi del codice di regolamentazione degli appalti.

La prima e l’ultima lezione si terranno in aula (6 ore ciascuna), intervallate da un periodo di due mesi di formazione a distanza con la formula “blended learning”, fino ai test di verifica finali.

Fino ad ora sono state realizzate, nelle quattro regioni dell’Obiettivo convergenza (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia), 51 aule con oltre 1.200 iscritti.

Un programma che, grazie anche alle numerose adesioni (1.870) ai precedenti corsi e al lavoro svolto per sensibilizzare le amministrazioni locali al problema della legalità e della trasparenza, consente di affrontare una questione di grande attualità e di attivare interventi di formazione integrata da parte di Formez PA anche al fine di fronteggiare il caos normativo sull’argomento che deriva dall’affastellamento legislativo.

Commenta Stampa
di Arianna Piccolo
Riproduzione riservata ©