Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Arrivano i pompieri allo "Science Centre"


Arrivano i pompieri allo 'Science Centre'
03/12/2010, 16:12

NAPOLI - Domenica 5 dicembre i visitatori dello "Science Centre" avranno l’opportunità di conoscere meglio il lavoro di persone speciali che dedicano la loro vita alla salvaguardia delle vite umane: il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, che conta oltre 30.000 effettivi più un certo numero di volontari. Chiamati comunemente “pompieri”, essi svolgono un lavoro prezioso e poco conosciuto, quale la salvaguardia di persone, animali e beni, il soccorso tecnico urgente e la prevenzione incendi; il Corpo interviene, inoltre, anche in occasioni di minacce chimiche, batteriologiche, radioattive e nucleari. A volte l’esposizione al pericolo è così grande che sono loro stessi le prime vittime degli eventi catastrofici per cui vengono impegnati, ma questo non lesina minimamente i loro sforzi. Solitamente, quando vediamo i vigili del fuoco in azione, ci immaginiamo uno scenario di pericolo, ma domenica li incontreremo, dalle 10 alle 13, in una situazione più tranquilla. Porteranno, infatti, dei loro automezzi e procederanno ad alcune semplici dimostrazioni sull’uso degli estintori e su come comportarsi in occasioni di pericolo. In particolare conosceremo l’automezzo più comune, l’APS, acronimo di autopompa serbatoio che viene utilizzato per la maggior parte degli interventi come incendi, incidenti stradali, soccorso a persone. Questi mezzi sono caratterizzati da un’attrezzatura specifica (manichette, scala a ganci e scala italiana, divaricatore, motosega, mototroncatrice) e da una discreta portata idrica. Ci sarà poi l’autoscala, veicolo utilizzato per raggiungere luoghi molto alti come piani di condomini ed alberi. I Vigili del Fuoco ne hanno in dotazione di svariate altezze: dai 20 metri degli automezzi più piccoli fino ai 50 metri degli automezzi più grandi. Sarà poi presente il nucleo NBCR, che opera in interventi di tipo “convenzionale” che coinvolgono sostanze chimiche, biologiche e radiologiche, ma sono anche pronti a fronteggiare attacchi di tipo “non convenzionale”, come ad esempio azioni terroristiche. Completeranno la giornata una serie di dimostrazioni scientifiche sulla combustione e, per chi non li avesse ancora visti, sarà l’occasione per incontrare i mammut, gli uri e le tigri a sciabola che popolano le aree espositive del Science Centre e che ci terranno compagnia per tutte le festività natalizie.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©