Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

A rischio duecento posti di lavoro

Atitech, l’Ugl Napoli organizza un sit-in


.

Atitech, l’Ugl Napoli organizza un sit-in
06/10/2009, 14:10

Esplode la rabbia dei lavoratori dell’Atitech di Napoli. I dipendenti questa mattina hanno manifestato il loro malcontento con un sit-in all’esterno della società del gruppo Alitalia che opera nel campo della manutenzione degli aerei. Una manifestazione organizzata dall’Ugl di Napoli. Al sit-in erano presenti Francesco Falco, segretario Ugl di Napoli, Pasquale Lione, segretario provinciale Ugl. I lavoratori chiedono gli stipendi arretrati e garanzie occupazionali per il futuro.
“Questi lavoratori stanno rischiando grosso - ha dichiarato Falco, segretario Ugl Napoli - non lo possiamo consentire in una regione martoriata per quanto riguarda i livelli occupazionali”. Oltre duecento le unità a rischio. “Il piano industriale - ha sottolineato Pasquale Lione, segretario provinciale Ugl - non ha i presupposti per portare avanti l’occupazione e il futuro dell’azienda”.“Dal mese di agosto non percepiamo lo stipendio - attaccano i lavoratori - . Già siamo in cassa integrazione da un anno”. E’ intervenuto anche Salvatore Ronghi (Mpa), vice presidente del consiglio regionale Campania che ha dichiarato: “La Regione ha le risorse necessarie per entrare in gioco in questa vicenda”.
 

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©