Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Audi: aumento record delle vendite


Audi: aumento record delle vendite
15/01/2012, 10:01

• Il 2011 anno record con circa 1.302.650 auto vendute (+ 19,2%)
• Schwarzenbauer: "Un 2011 migliore delle attese, soprattutto in Europa e negli USA"
• In Cina e in Europa, rafforzata la leadership nel segmento Premium
• In Italia raggiunta per la prima volta la quota di mercato del 3,5%

Nel 2011, AUDI AG ha venduto circa 1.302.650 vetture, superando così di ben 210.200 unità il record dell'anno precedente. La forte crescita del Marchio ha interessato tutte le regioni del mondo: con la consegna di 313.036 vetture, la Cina si attesta per la prima volta quale principale mercato per Audi. In Europa, la Casa di Ingolstadt ha registrato un aumento delle vendite del 12,1% con circa 726.300 vetture vendute e anche negli USA ha conseguito un incremento a due cifre. Complessivamente, Audi ha chiuso l'anno registrando nuovi record di vendite in oltre 50 mercati.
"Il 2011 è stato un anno con risultati senza precedenti nella storia di Audi: non avevamo mai conquistato così tanti Clienti in un anno", afferma Peter Schwarzenbauer, Responsabile per il Marketing e la Vendita di AUDI AG. "Grazie alla forte richiesta dei nuovi modelli, le vendite hanno superato le attese, soprattutto in Europa e negli USA. Sul mercato statunitense siamo riusciti a stabilire nuovi record di vendite ogni mese, aumentando decisamente il nostro risultato. Questo traguardo è stato raggiunto soprattutto grazie all'efficace offensiva di prodotto attuata nella categoria superiore".
Dall'introduzione sul mercato della nuova generazione delle A8 e A6, nonché della A7 Sportback, negli Stati Uniti più di un Cliente su quattro sceglie di acquistare un modello di un segmento superiore. In un anno Audi ha così aumentato di oltre il 50% la propria quota di mercato negli USA, nel settore dei modelli di lusso. Complessivamente, l'anno scorso Audi ha venduto 117.561 vetture negli Stati Uniti, registrando un ulteriore aumento del 15,7% rispetto al 2010.
I modelli delle classi superiori hanno fatto da volano alla crescita anche in altri Paesi: ancor prima che la nuova generazione della A6 fosse disponibile in Cina, che è il principale mercato per le berline, la serie ha segnato un incremento del 12,2%, raggiungendo circa 229.200 vetture. La nuova A6 berlina ha esordito nei primi mercati a marzo, seguita solo in autunno dalla A6 Avant, che riveste grande importanza soprattutto in Europa.
La A7 Sportback, invece, ha festeggiato il primo anno pieno di commercializzazione con più di 31.300 Clienti nel mondo. Il Marchio dei quattro anelli ha rafforzato la propria presenza tra i segmenti superiori anche grazie alla Audi Q7 che, rispetto all'anno precedente, ha registrato un aumento del 21,4%. L’ammiraglia A8, introdotta sul mercato all'inizio del 2010, ha addirittura raddoppiato il volume di vendita (+101%).
Dal lato opposto della gamma, anche la Audi A1 ha consentito di conquistare nuovi Clienti: nel corso del primo anno completo di vendita, Audi ha consegnato circa 118.200 esemplari della sua compatta Premium, in prevalenza in Europa, mercato in cui AUDI AG ha registrato un incremento del 12,2% (circa 726.300 vetture vendute), segnando così una forte controtendenza rispetto all'andamento dei mercati e rafforzando ulteriormente la propria posizione come primo marchio Premium.
Il mercato nel quale la Casa di Ingolstadt ha registrato la maggior crescita, dopo quello cinese, è quello interno. In Germania, infatti, nel 2011 sono state acquistate ben 254.011 nuove Audi (+10,8% rispetto al 2010). Per il Marchio dei quattro anelli, l’anno appena trascorso è stato certamente ricco di successi anche in Gran Bretagna e in Francia: nel Regno Unito le vendite sono balzate a 115.345 unità (+15,7%), mentre Audi France ha superato per la prima volta quota 60.000 unità, con 62.009 vetture (+18,1%).
Anche in Spagna, nonostante le difficili condizioni del mercato, Audi è riuscita a migliorare la propria performance (+3,4%).
Sul mercato italiano, la Casa di Ingolstadt ha chiuso il 2011 totalizzando 60.578 immatricolazioni e consolidando la leadership del segmento, mantenuta dal 2008. Commenta a riguardo Michael Frisch, Direttore Audi Italia: “Siamo orgogliosi di una simile performance in un anno così difficile. Nonostante una contrazione media del mercato superiore al 10%, siamo riusciti a raggiungere per la prima volta in Italia una quota di mercato prossima al 3,5%. Per questo motivo, voglio ringraziare tutti i nostri Dealer e le migliaia di Clienti italiani che con la loro preferenza ci hanno permesso di ottenere questi importanti risultati”.
In tutti gli altri maggiori mercati nel mondo, Audi ha registrato un incremento delle vendite a due cifre rispetto al 2010; anche la Russia ha chiuso l'anno in deciso rialzo rispetto all'anno precedente (+25,6%), con un numero complessivo di vetture vendute pari a 23.250, numeri che la pongono ai vertici per quanto riguarda la crescita nell'Europa dell'Est.
L’aumento del Marchio in Cina, pari al 37,3%, è dovuta sia alla forte richiesta di modelli di importazione, sia al potenziamento della capacità produttiva nello stabilimento di Changchun, terminato a metà anno. Nel 2011 Audi ha venduto 313.036 vetture a Clienti cinesi, consolidando così la propria leadership nel segmento Premium.
Negli scorsi mesi, anche nuovi mercati emergenti quali la Corea del Sud (+30,9% con 10.346 vetture) e il Sudafrica (+20,4% con 14.523 unità) hanno acquisito sempre maggiore importanza. L'insieme di questi due mercati raggiunge attualmente le cifre di vendita del Marchio in Russia. In Sudamerica, nel 2011 si sono distinti per le elevate percentuali di crescita, tanto il Messico (+46,8%) quanto il Brasile (+68%). Addirittura maggiore è stata la crescita del Marchio dei quattro anelli in India, dove, in tempi record rispetto a tutte le altre Case Premium, le vendite sono salite del 83,5%, attestandosi a 5.511 vetture.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©