Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

"La chiesa ha fiducia nella scuola pubblica e privata"

Bagnasco promuove la scuola:"Fiducia agli insegnanti"

Il cardinale cerca di mediare dopo parole di Berlusconi

Bagnasco promuove la scuola:'Fiducia agli insegnanti'
28/02/2011, 20:02

ROMA - A poche ore dalle dichiarazioni di Silvio Berlusconi che tanto scalpore hanno creato nell'opposizione e che il premier, come di consueto, ha etichettato come "fraintese" e "strumentalizzate", anche il cardinale Angelo Bagnasco ha voluto esprimere il proprio parere sulla scuola pubblica e su quella privata.
Parole positive e concilianti, quelle del prelato, che ha precisato:"La chiesa, come sempre, ha molta stima e fiducia nella scuola perché è un luogo privilegiato dell’educazione, tanto più che siamo nell’ambito del decennio sulla sfida educativa, che la Cei ha scelto. Quindi ci sta a cuore l’educazione integrale anche attraverso la scuola e in qualunque sede, statale o non statale, l’importante è che ci sia questa istruzione ma anche questa formazione della persona che è scopo della scuola a tutti i livelli". 
L'arcivescovo di Genova ha così colto l'occasione presentata dall'incontro "La formazione della coscienza nel Beato John Henry Newman" per tentare una vera e propria mediazione capace di smorzare le polemiche nate dopo le affermazioni del premier. Non è un caso, infatti, che durante il discorso ci sia stato il palese riferimento e plauso nei riguardi di quegli "insegnanti e operatori che sappiamo che si dedicano al proprio lavoro con grande generosità, impegno e competenza, sia nella scuola statale che non statale". Per questo, ha inteso sottolineare il presidente della Cei, "il merito va a loro".
"Tutti quanti - ha poi aggiunto in riferimento alla scuola privata - ci auguriamo che anche la libertà di scelta dei genitori nell’educazione dei figli possa essere concretizzata sempre più e meglio ma questo riguarda un altro aspetto della scuola non statale". 
"In generale -
ha concluso - sicuramente tutti auspichiamo che la scuola, a tutti i livelli e in tutte le sedi, possa veramente rispondere ai desideri dei genitori per i loro figli".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©