Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Lo studio pubblicato dalla Banca d'Italia

Bankitalia, l’immigrazione riduce qualità della scuola pubblica


Bankitalia, l’immigrazione riduce qualità della scuola pubblica
17/01/2010, 10:01


ROMA - Una maggiore presenza di immigrati, soprattutto a basso livello di specializzazione, riduce la qualità media della scuola pubblica. E’ quanto si legge in uno studio pubblicato sul sito della Banca d’Italia. Secondo il «working paper», elaborato dai professori Davide Dottori e I-Ling Shen, l’immigrazione influenza il sistema scolastico sia attraverso effetti sulla base fiscale e la ripartizione di risorse pubbliche, sia attraverso l’aumento della congestione nella scuola pubblica. Il documento, con tanto di formule matematiche e dati economici, si inserisce nelle polemiche scatenate dalla proposta di introdurre un tetto del 30% alla presenza di bambini immigrati nelle scuole. L’ipotesi dello studio è che gli immigrati, con reddito inferiore anche a parità di qualifiche, causeranno una diminuzione della qualità delle scuole pubbliche e un’espansione delle private.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©