Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

BMW amplia i suoi stabilimenti in USA


BMW amplia i suoi stabilimenti in USA
18/01/2012, 11:01

Il BMW Group sta ampliando la capacità produttiva del suo stabilimento statunitense di Spartanburg. “Intendiamo, nel corso dei prossimi tre anni, investire quasi 900 milioni di dollari nello stabilimento di Spartanburg. Ciò creerà 300 nuovi posti di lavoro entro la fine di quest’anno e ci permetterà, a medio termine, di costruire 350.000 auto a Spartanburg”, ha detto Frank-Peter Arndt, membro del Consiglio di Amministrazione di BMW AG e Responsabile della Produzione, parlando giovedì a Spartanburg. Il BMW Group aveva già investito 750 milioni di dollari, tra il 2008 ed il 2010, nell’ampliamento dello stabilimento per la produzione della nuova BMW X3.

“Questa decisione è stata presa per rispondere alla crescente domanda globale per i nostri modelli BMW X e in vista dell’ampliamento della famiglia X che comprenderà la BMW X4”, ha spiegato Arndt durante una cerimonia per festeggiare la produzione del due milionesimo veicolo prodotto, dal 1994, nello stabilimento del Sud Carolina. Questo intervento porterà l’investimento totale del BMW Group in Sud Carolina a quasi sei miliardi di dollari.

Il Governatore dello Stato del Sud Carolina, Nikki Haley, ha parlato durante la cerimonia dicendo: “BMW ha ancora una volta fornito una grandissima dimostrazione che il Sud Carolina offre tutte le condizioni ideali per ottenere un significativo sviluppo economico di successo. La partnership tra quest’azienda ed il nostro Stato rappresenta un esempio duraturo di come attrarre, mantenere e far crescere le attività per stimolare la creazione continua di posti di lavoro”.

La produzione a Spartanburg ha raggiunto un nuovo record nel 2011

Lo scorso anno, lo stabilimento BMW di Spartanburg ha prodotto 276.065 veicoli per oltre 130 mercati in tutto il mondo, il che rappresenta un incremento del 73% rispetto all’anno precedente. Anche la BMW X3 ha giocato un ruolo importante in questo positivo sviluppo. Le vendite globali di questo modello di grande successo sono cresciute del 156% nel 2011, raggiungendo un totale di 117.944 unità.

Più del 70% dei veicoli prodotti a Spartanburg (192.813) sono stati esportati, facendo del BMW Group il maggiore esportatore di automobili verso paesi non appartenenti al NAFTA.

Già quattro ampliamenti dello stabilimento statunitense

Dal momento della sua apertura nel 1994, lo stabilimento BMW di Spartanburg è già stato oggetto di quattro ampliamenti e ha prodotto sei diversi modelli BMW (318i, Z3, Z4, X5, X6, X3) e le loro varianti. L’occupazione è cresciuta dagli iniziali 500 dipendenti ai più di 7.000 di oggi.

Produzione pulita

Lo stabilimento BMW di Spartanburg rappresenta lo stato dell’arte in termini di protezione ambientale. Avanzati processi di produzione hanno reso la costruzione di veicoli ancora più compatibile dal punto di vista ambientale: negli ultimi cinque anni, è stato possibile ridurre i consumi di energia del 48%, dimezzare i consumi di acqua, ridurre le emissioni di CO2 del 44% e dei rifiuti del 65% per ogni auto. Nel 2010, per esempio, lo stabilimento di Spartanburg ha generato quasi 62 milioni di kilowatt ore di elettricità grazie ad una centrale a gas metano situata sul terreno dello stabilimento e alimentata da una discarica locale. Ciò rappresenta oltre il 37% dell’intera domanda elettrica di tutto lo stabilimento.

Gli USA hanno rappresentato il maggiore mercato per il BMW Group nel 2011

Il BMW Group è il primo costruttore di automobili premium negli Stati Uniti, il più grande mercato del mondo per questo tipo di vetture. Negli Stati Uniti, lo scorso anno, il BMW Group ha aumentato le vendite dei suoi veicoli con marchio BMW e MINI di circa il 15%, raggiungendo un totale di 305.418 unità. Il mercato americano è stato quindi il maggiore mercato per il BMW Group nel 2011

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©