Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

BMW Group continua sulla strada del successo nel secondo trimestre


BMW Group continua sulla strada del successo nel secondo trimestre
20/08/2012, 19:27

Monaco. Il BMW Group ha continuato ad avere      successo durante il secondo trimestre, nonché durante i sei mesi      fino al giugno 2012, stabilendo nuovi record in termini di volumi      di vendite e di fatturato ed il secondo migliore profitto      operativo del Gruppo nella storia dell’azienda.

Il fatturato del secondo trimestre è cresciuto del 7,3% a      19.202 milioni di euro (2011: 17.888 milioni di euro). I guadagni      del Gruppo sono rimasti ad un livello elevato, nonostante i      maggiori investimenti in nuove tecnologie ed i maggiori costi per      il personale: il profitto prima del risultato finanziario (EBIT) è      ammontato a 2.270 milioni di euro (2011: 2.802 milioni di euro;      -19,0%), consentendo un margine operativo dell’11,8%. Il profitto      lordo (EBT) del secondo trimestre è ammontato a 1.977 milioni di      euro (2011: 2.650 milioni di euro; -25,4%) ed il profitto netto a      1.277 milioni di euro (2011: 1.775 milioni di euro; -28,1%).
I maggiori costi per il personale, l’incremento degli      investimenti per lo sviluppo e per nuove tecnologie, la forte      concorrenza del mercato e il dato di riferimento maggiore dei      guadagni record nel secondo trimestre dell’anno precedente      rappresentano i fattori che hanno contribuito alle minori entrate      del 2012. I guadagni del secondo trimestre dell’anno precedente      comprendevano un effetto positivo eccezionale di 464 milioni di      euro proveniente dall’adeguamento del valore residuo e dai      provvedimenti contro i rischi creditizi.
I guadagni hanno tratto beneficio da un aumentato volume di      vendite, grazie alla gamma giovane e di grande appeal dei modelli      dell’azienda e da miglioramenti in termini di efficienza.

Il numero di veicoli venduti durante i tre mesi da aprile a      giugno 2012 è aumentato del 5,4%, raggiungendo un nuovo record di      475.011 unità (2011: 450.608 unità).
Il fatturato del Gruppo per il primo semestre è cresciuto      del 10,5% a 37.495 milioni di euro (2011: 33.925 milioni di euro).      L’EBIT per il periodo è ammontato a 4.402 milioni di euro (2011:      4.597 milioni di euro; -4,2%).  L’effetto eccezionale positivo del      quale abbiamo riferito in precedenza, che risulta da un      adeguamento del valore residuo e dei provvedimenti contro i rischi      creditizi, nonché da un risultato migliore del previsto per le      vendite delle auto al termine del periodo di leasing, è ammontato      a 524 milioni di euro per i primi sei mesi del 2011.

Il profitto lordo ed il profitto netto del Gruppo per il primo      semestre del 2012 sono ammontati, rispettivamente, a 4.053 milioni      di euro (2011: 4.355 milioni di euro; -6,9%) e a 2.626 milioni di      euro (2011: 2.917 milioni di euro; -10,0%).
Il volume di vendite per il semestre è cresciuto dell’8,1%,      raggiungendo un nuovo record di 900.539 unità (2011: 833.366      unità) – è la prima volta che sono stati venduti più di 900.000      veicoli in un solo semestre. “Il BMW Group ha continuato a      comportarsi in modo estremamente positivo, sia su base trimestrale      che semestrale. Abbiamo conseguito nuovi record di volumi di      vendite e di fatturato, nonché il secondo miglior profitto      operativo nella storia dell’azienda”, ha dichiarato mercoledì a      Monaco Norbert Reithofer, Presidente del Consiglio di      Amministrazione della BMW AG.
Margine EBIT per il secondo trimestre dell’11,6% per la        Divisione Auto

Il fatturato della Divisione Auto è cresciuto del 4,2% nel      secondo trimestre, raggiungendo i 17.366 milioni di euro (2011:      16.674 milioni di euro). L’EBIT è ammontato a 2.021 milioni di      euro (2011: 2.408 milioni di euro; -16,1%). Questo si conferma      ancora il secondo migliore risultato operativo della divisione      fatto registrare nella storia dell’azienda ed è stato ottenuto      nonostante gli oneri di cui sopra (maggiori spese per nuove      tecnologie, maggiori costi per il personale, intensa concorrenza      sul mercato, dato di riferimento maggiore). Il margine EBIT per la      Divisione Auto è stato dell’11,6%, invariato rispetto al trimestre      precedente. Il valore del secondo trimestre dell’anno precedente      aveva beneficiato di un effetto positivo eccezionale di 85 milioni      di euro derivanti dal risultato migliore del previsto per le      vendite delle auto a fine leasing.
Il profitto lordo per il periodo aprile-giugno è stato di      1.751 milioni di euro (2011: 2.297 milioni di euro; -23,8%). Il      cash flow generato dalla Divisione Auto nel secondo trimestre è      ammontato a 853 milioni di euro.
Il fatturato per i sei mesi da gennaio a giugno è cresciuto      dell’8,0% a 33.525 milioni di euro (2011: 31.047 milioni di euro).      L’EBIT per la Divisione è stato di 3.899 milioni di euro (2011:      4.116 milioni di euro; -5,3%), portando ad un margine EBIT      dell’11,6% per il semestre, identico a quello relativo al      trimestre. Il profitto lordo è diminuito a 3.571 milioni di euro      (2011: 3.902 milioni di euro; -8,5%). Il cash flow semestrale      della Divisione Auto è stato pari a 2.488 milioni di euro.

Il marchio BMW ha fatto registrare una crescita globale      dell’8,3% nella prima metà dell’anno, con la vendita di 747.064      unità (2011: 689.861 unità). Un forte incremento è stato      registrato per la nuova BMW Serie 1, le cui vendite sono aumentate      del 20,5% a 113.805 unità (2011: 94.454 unità). La versione a tre      porte di questo modello di grande successo andrà in vendita in      autunno, comprendendo, per la prima volta, una versione dotata del      sistema xDrive a trazione integrale che dovrebbe darle      un’ulteriore spinta in termini di vendite.
Le vendite della BMW Serie 3 hanno totalizzato 193.989 unità      (2011: 192.927 unità; +0,6%). Il nuovo modello BMW 3 Touring, che      è particolarmente ricercato in Europa, e la berlina a trazione      integrale, entreranno sui mercati nel corso della seconda metà      dell’anno, contribuendo ad un ulteriore spinta nelle vendite. La      versione a passo lungo della BMW Serie 3 Berlina per il mercato      cinese sarà disponibile per le consegne da agosto in avanti.
La popolarissima BMW Serie 5, che continua ad essere leader      mondiale nel suo segmento, ha visto crescere le vendite del 4,1% a      177.785 unità durante il semestre (2011: 170.708 unità). Le      vendite della nuova BMW Serie 6 sono più che triplicate nello      stesso periodo, raggiungendo le 10.346 unità (2011: 3.213 unità).      La M6 Coupé sarà disponibile a partire da agosto.
Anche i vari modelli della Serie X continuano ad essere      richiesti. Le vendite per il semestre della BMW X1 sono cresciute      del 2,7%, raggiungendo le 64.387 unità (2011: 62.698 unità).
Il modello rivisto della X1 è entrato sul mercato a luglio e      sarà disponibile anche negli USA a settembre. Le vendite della BMW      X3 sono schizzate in alto del 38,4% a 74.098 unità (2011: 53.522      unità). La BMW X5 ha mantenuto la sua posizione come leader del      segmento grazie ad un aumento del 7,5% nel volume di vendite,      raggiungendo le 52.399 unità (2011: 48.749 unità).
Il numero totale di veicoli del marchio MINI venduti durante      i primi sei mesi dell’anno è aumentato del 7,0% a 151.875 unità      (2011: 141.913 unità). La MINI Countryman ha fatto registrare      un’altra eccezionale performance, con le vendite che sono      cresciute del 23,4% a 49.588 unità (2011: 40.171 unità). Le      vendite della MINI Coupé e della MINI Roadster sono state,      rispettivamente, di 6.278 e 4.563 unità. Il prossimo autunno, la      MINI Clubvan andrà ad aggiungersi alla gamma di modelli MINI.
Rolls-Royce continua la sua storia di successi nel segmento      delle auto super-lusso.

Con 1.600 unità vendute durante il periodo da gennaio a giugno      (2011: 1.592 unità; +0,5%), il volume di vendite per i sei mesi si      è attestato allo stesso, elevato livello dell’anno scorso. La      Rolls-Royce Phantom Series II sarà lanciata durante la seconda      metà dell’anno.
Crescita dei volumi di vendite in Nord America ed in Asia,        vendite stabili

in Europa

Il BMW Group ha fatto registrare una crescita in quasi tutte le      regioni del mondo durante la prima metà dell’anno. Nonostante le      sfavorevolissime condizioni in alcune parti dell’Europa ed in      particolare nei paesi del sud del continente, il volume delle      vendite complessivo si è posizionato all’incirca allo stesso      elevato livello dell’anno scorso, con 437.338 unità vendute      (-0,1%). Il volume delle vendite in Nord America è aumentato del      10,3% a 177.423 unità, con il numero di veicoli venduti negli USA      cresciuto del 10,4% a 158.961 unità.
Tassi di crescita sostenuti sono stati conseguiti, ancora      una volta, in Asia, dove sono state vendute 238.731 unità (+25,6%)      nella prima metà dell’anno. Un totale di 159.358 unità (+30,6%) è      stato venduto in Cina. In Giappone, il numero di vetture vendute è      salito del 27,3% a 27.737 unità.
Miglioramenti nel profitto operativo della Divisione Moto

Il volume di vendite di moto nel secondo trimestre è diminuito      del 4,2%, con 37.409 unità (2011: 39.061 unità). Il fatturato      della divisione è sceso leggermente dell’8,9% a 410 milioni di      euro (2011: 450 milioni di euro) a causa dei volumi inferiori.      L’EBIT è aumentato del 2,1% a 48 milioni di euro (2011: 47 milioni      di euro) ed il profitto lordo per il trimestre è restato al      livello dell’ anno scorso (47 milioni di euro).
Il numero di moto vendute durante i primi sei mesi è      aumentato dello 0,5% a 64.424 unità (2011: 64.110 unità),      consentendo al fatturato di crescere dell’1,3% a 858 milioni di      euro (2011: 847 milioni di euro). L’EBIT è migliorato del 9,0% a      85 milioni di euro (2011: 78 milioni di euro) ed il profitto lordo      è cresciuto del 9,1% a 84 milioni di euro (2011: 77 milioni di euro).
Il lancio sul mercato europeo dello Scooter BMW dovrebbe      dare una spinta alle vendite nella seconda metà del 2012.
La Divisione Servizi Finanziari continua il suo trend positivo

La Divisione Servizi Finanziari ha continuato a crescere durante      il secondo trimestre.
Il fatturato della divisione ha totalizzato 4.866 milioni di      euro (2011: 4.181 milioni), il 16,4% in più rispetto allo stesso      periodo dell’anno scorso. Il profitto lordo è sceso a 431 milioni      di euro (2011: 744 milioni di euro; -42,1%). La contrazione è da      attribuire principalmente all’effetto del dato di riferimento      rispetto al secondo trimestre del 2011, quando fu registrato un      guadagno di 379 milioni di euro da parte della Divisione Servizi      Finanziari derivanti dall’adeguamento del provvedimento relativo      ai valori residui e ai rischi creditizi.
Il fatturato del semestre è aumentato del 15,6% a 9.666      milioni di euro (2011: 8.364 milioni di euro). Il profitto lordo è      stato di 865 milioni di euro (2011: 1.173 milioni di euro;      -26,3%). Escludendo il guadagno eccezionale di 439 milioni di euro      registrato l’anno precedente, il risultato della divisione per il      semestre ha evidenziato un miglioramento di circa il 10%.

Al 30 giugno 2012 il numero di contratti di leasing e di      finanziamento in essere con le concessionarie e con i singoli      clienti è cresciuto del 12,7% a 3.693.474 unità. Queste cifre      comprendono il portafoglio di contratti di finanziamento presi in      gestione al 30 settembre, in seguito all’acquisizione dell’ING Car      Lease Group. Il numero di nuovi contratti di finanziamento e di      leasing firmati nel periodo da gennaio a giugno è cresciuto del      10,0% a 346.034.
Aumento della forza lavoro

La forza lavoro del BMW Group al 30 giugno 2012 risultava      aumentata rispetto all’anno scorso. Il numero di dipendenti in      tutto il mondo è salito del 5,2% a 102.007 unità (30 giugno 2011:      96.943 unità); parte di questo aumento è derivato      dall’acquisizione dell’ING Car Lease Group. Inoltre, il BMW Group      continua a reclutare ingegneri e lavoratori specializzati per      tenere il passo con la continua ed elevata domanda delle auto del      Gruppo, per proseguire sulla strada dell’innovazione e per      sviluppare nuove tecnologie.
Il BMW Group conferma gli obiettivi per l’intero anno

La crisi dell’euro e gli alti livelli del debito del settore      pubblico in diversi paesi potrebbero portare ad un peggioramento      ulteriore del clima economico globale durante la seconda metà      dell’anno. “Stiamo monitorando gli sviluppi molto da vicino in      vari mercati. Il BMW Group ha una rete di produzione flessibile e,      come costruttore di auto premium, è focalizzato al mantenimento di      una crescita redditizia”, ha sottolineato Reithofer.
Sull’onda dell’ottima performance nella prima metà dell’anno      e grazie alla rinnovata ed attraente gamma di modelli, il BMW      Group riafferma i suoi obiettivi per l’intero anno. “Miriamo      sempre – ha continuato Reithofer – a superare, nel 2012, i volumi      di vendite ed i guadagni lordi dell’anno precedente”.
Lo sviluppo di nuove tecnologie e gli investimenti nella      rete produttiva produrranno un aumento delle spese per la      Divisione Auto nell’esercizio 2012. Un clima di deterioramento nei      mercati potrebbe anch’esso avere delle ricadute sul business.      Nonostanti questi fattori, il BMW Group continua a puntare ad un      margine EBIT tra l’8% ed il 10% nella Divisione Auto. Se il clima      economico globale non peggiorerà ulteriormente, il BMW Group      prevede un margine EBIT per il 2012 collocato nella parte alta del      suo target range.
La Divisione Servizi Finanziari continua a puntare ad un ROE      di almeno il 18% per l’esercizio 2012.
Le previsioni per l’anno in corso si basano sul presupposto      che le condizioni economiche mondiali non peggiorino      improvvisamente. Il BMW Group intravede rischi che potrebbero      derivare da un ulteriore deterioramento della situazione economica      in Europa e da un rallentamento della crescita in Cina.
Il BMW Group intende raggiungere una sostenibilità del      margine EBIT compresa tra l’8% e il 10% per il 2012 e oltre.      Tuttavia, i futuri sviluppi politici ed economici avranno un      impatto sui margini effettivi che potrebbero posizionarsi al di      sopra o al di sotto dell’obiettivo fissato.

Il BMW Group in cifre

 

2° Trimestre 2012

 

2° Trimestre 2011*

 

Variazione

in %

Consegne ai clienti

     

Automobili

475.011

450.608

5,4

Dei quali:

                BMW                                                                                                     Unità

390.516

368.686

5,9

   MINI                                                                                                                               Unità

83.665

81.053

3,2

   Rolls-Royce                                                                                         Unità

830

869

-4,5

Motociclette                                                                                             Unità

37.409

39.061

-4,2

Di cui:

                BMW                                                                                                       Unità

34.816

37.471

-7,1

   Husqvarna                                                                                                          Unità

2.593

1.590

63,1

Forza lavoro1

102.007

96.943

5,2

Fatturato                                                                                             mil. Euro

19.202

17.888

7,3

Di cui:

   Automobili                                                                                         mil. Euro

17.366

16.674

4,2

                Motociclette                                                                         mil. Euro

410

450

-8,9

   Servizi              Finanziari                                                                  mil. Euro

4.866

4.181

16,4

   Other            entities

2

1

100,0

                Eliminations                                    mil.            Euro

-3.422

-3.418

-0,7

Cash Flow operativo2             mil.            Euro

1.840

3.010

-38,9

Utile prima del risultato               finanziario                                                                                           mil. Euro

2.270

2.802

-19,0

Di cui:

   Automobili                                                                                         mil. Euro

2.021

2.408

-16,1

                Motociclette                                                                         mil. Euro

48

47

2,1

   Servizi              Finanziari                                                                  mil. Euro

441

739

-40,3

   Other            entities

14

21

-33,3

                Eliminations                                  mil.            Euro

-254

-413

38,5

Utile              lordo                                                                                           mil. Euro

1.977

2.650

-25,4

Dei quali:

   Automobili                                                                                         mil. Euro

1.751

2.297

-23,8

                Motociclette                                                                         mil. Euro

47

47

-

   Servizi              Finanziari                                                                  mil. Euro

431

744

-42,1

   Other            entities

-14

-59

76,3

                Eliminations                                mil.            Euro

-238

-379

37,2

Utile lordo

-700

-875

20,0

Utile netto

1.277

1.775

-28,1

Guadagni per azione3                                                     Euro

1,94/1,95

2,70/2,71

-28,1/-28,0

* I dati   del              2° trimestre 2011 sono stati parzialmente aggiornati.

1 I dati   non comprendono i contratti d’impiego              inattivi, i dipendenti a tempo pieno e   part-time in fase              di pre-pensionamento e i lavoratori a basso salario.

2 Divisione Auto.

3 Utile azione per azione ordinaria/privilegiata.

 

=================

 

Gennaio-Giugno 2012

 

Gennaio-Giugno 2011

 

Variazione

in %

 

Consegne ai clienti

     

Automobili

900.539

883.366

8,1

Dei quali:

                BMW                                                                                                     Unità

747.064

689.861

8,3

   MINI                                                                                                                               Unità

151.875

141.913

7,0

   Rolls-Royce                                                                                         Unità

1.600

1,592

0,5

Motociclette                                                                                             Unità

64.424

64.110

0,5

Di cui:

                BMW                                                                                                       Unità

59.189

60.580

-2,3

   Husqvarna                                                                                                          Unità

5.235

3.530

48,3

Forza lavoro1

102.007

96.943

5,2

Fatturato                                                                                             mil. Euro

37.495

33.925

10,5

Di cui:

   Automobili                                                                                         mil. Euro

33.525

31.047

8,0

                Motociclette                                                                         mil. Euro

858

847

1,3

   Servizi              Finanziari                                                                  mil. Euro

9.666

8.364

15,6

   Other            entities

3

2

50,0

                Eliminations                                    mil.            Euro

-6.557

-6.335

-3,5

Cash Flow operativo2             mil.            Euro

4.133

5.086

-18,7

Utile prima del risultato               finanziario                                                                                           mil. Euro

4.402

4.597

-4,2

Di cui:

   Automobili                                                                                         mil. Euro

3.899

4.116

-5,3

                Motociclette                                                                         mil. Euro

85

78

9,0

   Servizi              Finanziari                                                                  mil. Euro

867

1.142

-24,1

   Other            entities

27

38

-28,9

                Eliminations                                  mil.            Euro

-476

-777

38,7

Utile              lordo                                                                                           mil. Euro

4.053

4.355

-6,9

Dei quali:

   Automobili                                                                                         mil. Euro

3.571

3.902

-8,5

                Motociclette                                                                         mil. Euro

84

77

9,1

   Servizi              Finanziari                                                                  mil. Euro

865

1.173

-26,3

   Other            entities

-35

-83

57,8

                Eliminations                                mil.            Euro

-432

-714

39,5

Utile lordo

-1.427

-1.438

0,8

Utile netto

2.626

2.917

-10,0

Guadagni per azione3                                                     Euro

3,99/4,00

4,43/4,44

-9,9/-9,9

* I dati del 2°              trimestre 2011   sono stati parzialmente aggiornati.

1 I dati   non              comprendono i contratti d’impiego inattivi, i dipendenti a              tempo pieno e   part-time in fase di pre-pensionamento e i              lavoratori a basso salario.

2 Divisione Auto.

3 Utile azione per azione   ordinaria/privilegiata.

 

 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©