Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

BMW Group cresce del 13,1% nel primo semestre


BMW Group cresce del 13,1% nel primo semestre
09/07/2010, 17:07

MONACO -  Il BMW Group ha chiuso il primo semestre con una robusta crescita delle vendite. Un totale di 696.026 auto (anno precedente: 615.454) dei marchi BMW, MINI e Rolls-Royce sono state consegnate ai clienti in tutto il mondo durante i primi sei mesi dell’anno – pari ad un incremento del 13,1%. Nel mese di giugno, i volumi di vendita sono aumentati del 12,2% a 143.157 veicoli (anno prec.: 127.556). L’azienda è cresciuta virtualmente in tutti i mercati nel corso del primo semestre, con la più forte crescita delle vendite registrata particolarmente nei mercati cinese, americano ed europeo. Per quanto riguarda i singoli prodotti, i modelli BMW X1, Serie 5 GT e Z4, insieme alla Serie 7, sono stati tra i principali motori della crescita nella prima metà dell’anno. Anche la nuova BMW Serie 5 berlina è partita bene: circa 25 mila unità sono già state vendute dal lancio in Europa a metà marzo.



Ian Roberton, membro del Consiglio di Amministrazione di BMW AG responsabile delle vendite e del marketing, ha così commentato: “In alcuni casi, i mercati automobilistici si stanno riprendendo molto più rapidamente del previsto. Per noi il primo semestre ha fatto registrare una crescita del 13,1% delle vendite e siamo stati in grado di mantenere la nostra posizione come leader mondiale tra i costruttori premium”. Robertson ha poi aggiunto: “Puntiamo a continuare questo trend positivo anche nella seconda metà dell’anno. Oltre alla nuova BMW Serie 5 berlina, un gran numero di nuovi modelli, comprese la nuova BMW Serie 5 Touring, la nuova BMW X3 e la MINI Countryman, ci aiuteranno a raggiungere questo obiettivo”.



L’azienda ha incrementato le vendite in quasi tutte le regioni e in quasi tutti i mercati automobilistici in cui è presente durante i primi sei mesi. In Europa, le consegne sono aumentate del 3,9%, per raggiungere un totale di 389.601 unità (anno prec.: 374.923). La maggior parte di questo incremento è arrivato dai mercati di maggior volume, come Regno Unito (73.000 / +20,4%), Francia (34.235 / +11,6%), Spagna (23.426 / +35,9%) e Belgio/Lussemburgo (20.474 / +16,5%).



In un mercato complessivo in forte contrazione (-28,7%), l’azienda è stata in grado di mantenere le nuove immatricolazioni a livelli molto simili a quelli dell’anno scorso nel suo principale mercato (la Germania), con un totale di 135.421 (anno prec.: 136.769 / -1,0%) di auto BMW e MINI vendute, ed anche di far aumentare in marniera significativa la sua quota di mercato, portandola al 9,2%. BMW è stato l’unico marchio premium in Germania a guadagnare nei primi sei mesi.

Con un totale di 120.262 veicoli venduti (anno prec.: 118.960) in questo paese, la crescita delle vendite di nuove auto BMW è stata dell’1,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.



L’azienda ha continuato a crescere anche nel suo principale mercato di esportazione, gli Stati Uniti, con la consegna ai clienti di 121.585 auto BMW e MINI (anno prec.: 114.448) – pari ad un incremento del 6,2%. Il BMW Group rimane quindi il costruttore europeo di auto premium di maggior successo nel mercato statunitense. Con 23.331 auto BMW e MINI consegnate (anno prec.: 20.849), pari ad una crescita dell’11,9%, giugno è risultato il mese di maggiore crescita nel 2010 negli Stati Uniti.



In Asia, i volumi di vendita del BMW Group sono saliti del 57,5% tra gennaio e giugno (128.483 unità / anno prec.: 81.586). Il mercato cinese ha continuato a registrare una crescita eccezionalmente dinamica. Con 75.615 veicoli venduti nella prima metà dell’anno (anno prec.: 37.627 / +101,0%), l’azienda ha più che raddoppiato i suoi volumi di vendita rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il BMW Group ha fatto registrare guadagni anche negli altri paesi “BRIC”: Brasile (+131,4%), Russia (+24,5%) e India (+25,0%), nonché nei mercati africani (+26,8%) e dell’Oceania (+13,8%).



Le vendite del marchio BMW sono aumentate del 14,1% a 585,755 auto (anno prec.: 513.591) durante il periodo in esame. Nel mese di giugno, sono state consegnate 119.663 BMW (anno prec.: 105.232) ai clienti di tutto il mondo, pari ad un incremento del 13,7%. I motori della crescita nel primo semestre sono stati principalmente la BMW X1, con 46.705 unità, e la Serie 5 GT, con 11.803 unità. Forti guadagni sono stati riportati anche dalle serie di modelli, come la Serie 7, con 30.711 consegne (+50,0% / anno prec.: 20.479) ed i modelli BMW X5 e BMW X6, che insieme hanno raggiunto un totale di 68.632 unità (+7,1% / anno prec.: 64.078). La crescita più marcata nel primo semestre è stata registrata dalla BMW Z4 Roadster, con 14.236 unità vendute (anno prec.: 8.148 / +74,7%). Serie 7, X5/X6 e Z4 rimangono leader mondiali nei rispettivi segmenti. I volumi di vendita sono aumentati anche per quella che rimane la serie più venduta del marchio: complessivamente, la BMW Serie 3 ha fatto registrare una crescita del 3,0%, con 199.027 unità consegnate (anno prec.: 193.186) durante il periodo tra gennaio e giugno. Secondo Robertson: “Il nuovo modello più importante di quest’anno è la BMW Serie 5. Infatti, la BMW Serie 5 berlina, lanciata a marzo, ha già trovato 25.000 acquirenti. Nel mese di giugno, abbiamo introdotto questo modello anche negli Stati Uniti, dove è stato accolto molto bene”.



Nella prima metà dell’anno, le vendite di vetture MINI sono cresciute del 7,6% rispetto all’anno precedente a 109.301 unità (101.534 unità). Nel mese di giugno, il marchio ha venduto 23.202 auto (anno prec.: 22.271 / +4,2%) in tutto il mondo. Secondo Robertson: “Con l’introduzione della nuova MINI Countryman in autunno, la famiglia MINI si allargherà per comprendere quattro versioni. Insieme ad importanti aggiornamenti apportati alla gamma dei modelli esistenti, il primo modello crossover MINI darà una forte spinta alla crescita nella seconda metà dell’anno”. Da metà settembre in poi, anche agli attuali modelli MINI (MINI, MINI Clubman e MINI Cabrio) saranno apportate importanti modifiche di design, ulteriori varianti di motori, una gamma motori diesel completamente rivista e nuove ed innovative dotazioni.



Da quando è stata lanciata l’azienda nel 2003, la Rolls-Royce non ha mai venduto tante automobili in un solo semestre quanto ha fatto quest’anno. Con 970 consegne (anno prec.: 329) finora nel 2010, la crescita nei primi sei mesi è volata al 194,8%. Secondo Robertson: “Rispetto a giugno del 2009, le vendite Rolls-Royce sono più che quintuplicate lo scorso mese a 292 unità consegnate (anno prec.: 53). Con questo risultato mensile e semestrale, siamo sulla buona strada verso il raggiungimento dell’obiettivo per l’anno intero: più che raddoppiare le vendite totali Rolls-Royce”.



Nella prima metà del 2010, BMW Motorrad ha venduto 57.015 moto (anno prec.: 46.972). Ciò rappresenta una crescita del 21,4% rispetto ai primi sei mesi del 2009. Il trend globale positivo di BMW Motorrad è continuato anche nel mese di giugno. Nonostante l’andamento negativo dei mercati motociclistici mondiali, BMW Motorrad è stata in grado di vendere più moto rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, per il sesto mese consecutivo. A giugno sono state consegnate un totale di 11.584 unità (anno prec.: 9.402 / +23,2%). In testa alla classifica dei modelli più venduti si è confermata l’enduro R 1200 GS, la più venduta del mondo nel segmento delle due ruote di grossa cilindrata nella classe oltre i 500 cc. Nella prima metà dell’anno, non meno di 6.459 unità (nel solo mese di giugno: 1.233) della S 1000 RR, la prima moto supersportiva di BMW Motorrad, sono state consegnate ai clienti in tutto il mondo, ponendola al secondo posto nel segmento supersport tra le moto sportive di 1000 cc.

Ai primi di luglio, nel corso di una giornata dedicata alla tecnologia intesa a presentare il primo motore sei cilindri in linea per moto BMW, il settore commerciale ha comunicato alcuni dettagli della sua prossima offensiva di prodotto. Infatti, in futuro, questo motore spingerà due nuove moto touring di lusso della BMW, la K 1600 GT e la K 1600 GTL, che saranno presentate al pubblico nell’autunno del 2010. Entrambi i modelli saranno caratterizzati da tecnologie innovative, dall’eccezionale fluidità dei motori e dai consumi di carburanti all’avanguardia.



BMW Group Italia a giugno. Positiva performance nel segmento premium.
BMW Motorrad cresce dell'8,3 percento
In un mercato totale Italia che a giugno ha perso oltre il 19 percento, BMW ha fatto registrare in Italia con 5.499 unità vendute il miglior risultato nel segmento premium, pur in flessione rispetto allo scorso anno (-15,2 %). Sulle vendite hanno inciso positivamente due modelli soprattutto la X1 e la nuova Serie 5.


La nuova BMW X1, la piccolo SAV di BMW, presenta un trend in fortissima ascesa, nei primi sei mesi dell’anno ha immatricolato 5.639 veicoli di cui 1.040 nel solo mese di giugno.

Positivi i riscontri anche per la nuova BMW Serie 5 Berlina che ha immatricolato nel solo mese di giugno 460 veicoli. Ed ora c’è grande attesa per la commercializzazione della nuova BMW Serie 5 Touring che sarà lanciata sul mercato a partire dal 18 settembre.



MINI controlla le perdite e si assesta ad un -9%. La MINI Clubman migliora il risultato con una crescita del 16,4% rispetto allo stesso mese dell’anno 2009. Complessivamente il BMW Group nel semestre ha consuntivato 34.828 unità, in flessione dell'11,9 % rispetto a giugno 2009.



BMW Motorrad nel mese di giugno è cresciuta dell’8,3%: Con 1.703 immatricolazioni ha raggiunto una quota di mercato del 14,7%, a fronte del mercato moto che continua a contrarsi del -18%. Nei primi sei mesi 2010 BMW Motorrad è cresciuta del 18%, raggiungendo una quota di mercato del 16%.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©