Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

BMW Italia e MIA Fair (Milan Image Art Fair) presentano Hubertus Hamm


BMW Italia e MIA Fair (Milan Image Art Fair) presentano Hubertus Hamm
04/05/2012, 13:05

BMW Italia sarà partner di MIA Fair ( Milan Image Art Fair), la prima fiera d’arte italiana dedicata alla fotografia e al video, in occasione della prima mostra italiana di Hubertus Hamm (nato nel 1950 a Werdohl, Germania), fotografo più volte premiato, che annovera tra i propri committenti le principali imprese tedesche. L’evento, ideato in collaborazione con Ellen Maurer Zilioli, si svolgerà dal 3 al 6 maggio 2012 presso lo spazio del Superstudio Più di via Tortona 27 a Milano. Considerato un insigne esponente della sua professione oltre che un audace autore, il suo lavoro illustra in modo sorprendente fino a che punto la fotografia “applicata” o funzionale e la sua versione così detta “libero-artistica” siano sovrapponibili. Lo testimoniano particolarmente le riprese di altissimo livello estetico effettuate per BMW (che faranno parzialmente parte della mostra), un omaggio alla specifica consapevolezza del valore figurativo del prodotto, e la cifra creativa che le sottende, nonché la serie “Black in Dark” (anche in mostra), commissionata dal giornale settimanale DIE ZEIT e presentata nel 2010 al Die Neue Sammlung – The International Design Museum Munich nella Pinakothek der Moderne, Monaco di Baviera. Per ulteriori informazioni: www.hubertushamm.com.

L’iniziativa avviene in occasione del lancio della nuova BMW Serie 6 Gran Coupé (ritratta anche in una delle immagini della mostra). La BMW Serie 6 Gran Coupé combina l'estetica esclusiva con l'elevato dinamismo di una coupé, creando così una personalità di prodotto completamente indipendente e fortemente affascinante. Nella quattro porte, le tipiche proporzioni di una BMW formano una silhouette bassa e sportiva che viene caratterizzata da un'interpretazione innovativa del “three-box-design”, composto da un cofano motore allungato e delle forme modellate con cura per il dettaglio, da un passo lungo che dona alla vettura una linea elegante e slanciata e da un abitacolo arretrato. Inoltre, grazie all'altezza ridotta e all'andamento filante della linea del tetto che sfocia dolcemente nella coda, la BMW Serie 6 Gran Coupé definisce dei parametri di riferimento nuovi nel design delle di automobili a quattro porte. La vettura sarà disponibile presso la rete dei concessionari di BMW Italia a partire dal prossimo 4 giugno.

BMW Group e l’Impegno culturale
Nel 2011 il BMW Group ha festeggiato 40 anni di impegno culturale internazionale. Infatti, sono ormai 40 anni che il BMW Group ha iniziato e partecipato ad oltre 100 collaborazioni culturali in tutto il mondo. La maggior parte dell’impegno a lungo termine dell’azienda viene concentrata sull’arte moderna e contemporanea, sul jazz e sulla musica classica, nonché sull’architettura e sul design. Il BMW Group è stato anche classificato leader del settore negli indici di sostenibilità della Dow Jones per gli ultimi sette anni. Nel 1972, tre dipinti di grandi dimensioni sono stati creati dall’artista Gerhard Richter appositamente per l’atrio della sede di Monaco del BMW Group. Da allora, artisti come Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Olafur Eliasson, Thomas Demand e Jeff Koons hanno collaborato con BMW. L’azienda ha anche commissionato ad architetti famosi. come Karl Schwanzer, Zaha Hadid e Coop Himmelb(l)au, la progettazione di importanti edifici e stabilimenti aziendali. Nel 2011, il BMW Guggenheim Lab, un’iniziativa della Solomon R. Guggenheim Foundation, del Guggenheim Museum e del BMW Group, aprirà a New York. Una struttura mobile che viaggerà per sei anni da una città all’altra dal Nord America all’Asia, il BMW Guggenheim Lab riunirà artisti e scienziati internazionali ed offrirà uno spazio pubblico per lo scambio di idee sulle questioni importanti che riguardano la vita urbana. Il BMW Group garantisce l’assoluta libertà creativa in tutte le attività culturali in cui è coinvolto, dal momento che questa è essenziale per un innovativo lavoro artistico quanto lo è anche per importanti innovazioni in un’azienda di successo.

BMW Group Italia e Teatro alla Scala
Avviata nel 2002, anno della chiusura per il restauro e la ristrutturazione del

teatro disegnato dall'architetto neoclassico Giuseppe Piermarini e del temporaneo trasloco al Teatro degli Arcimboldi - la collaborazione con il Teatro alla Scala di Milano rappresenta un vero fiore all'occhiello per BMW Group Italia all'interno del panorama di attività culturali e di responsabilità sociale dell'azienda che vanta, tra le altre, la BMW Research Unit - HSR per la ricerca sulle cellule staminali adulte del cervello, la BMW Driving Academy per l'educazione alla guida responsabile e la scuola di sci per diversamente abili di Sauze d'Oulx.

La relazione con il prestigioso teatro di Milano si è arricchita, a partire dal 2005, con la partnership in occasione dell'apertura della stagione."Valori come stile, qualità, performance e ricerca dell'eccellenza - ha dichiarato Franz Jung, Presidente e Amministratore Delegato di BMW Italia S.p.A. - sono comuni ad entrambi. Ecco perché, dopo 10 anni, la collaborazione continua e stiamo lavorando a progetti per il futuro. Inoltre la partnership con il Teatro alla Scala è una delle più prestigiose e ammirate a livello internazionale all'interno del BMW Group".

Tante le iniziative realizzate insieme nel corso degli anni, ad esempio per il lancio di nuovi prodotti, come le ultime due generazioni della BMW Serie 7. Nel 2008, inoltre, per celebrare il decennale del trasferimento di BMW Italia da Palazzolo di Sona a Milano, fu realizzato un concerto sinfonico straordinario e riservato, diretto dal Maestro Daniele Gatti ed eseguito dalla Filarmonica della Scala. Il programma musicale scelto per l'occasione rispecchiava i valori di innovazione, gusto per la sfida e rispetto per la tradizione tipici della Casa di Monaco.

BMW Guggenheim Lab
Concepito come gruppo di esperti e laboratorio mobile per studiare argomenti relativi alla vita urbana, il BMW Guggenheim Lab esplorerà questioni che si pongono per le città e offrirà uno spazio pubblico ed un forum online per scambiare idee e soluzioni pratiche. Il BMW Guggenheim Lab e tutti i suoi programmi saranno gratuiti per il pubblico. Il nuovo sito web (bmwguggenheimlab.org) e le comunità online creeranno e amplieranno le possibilità di partecipazione in questo esperimento urbano multidisciplinare in tutto il mondo. Nei sei anni di spostamenti del BMW Guggenheim Lab, vi saranno tre diversi temi e tre distinte strutture mobili, ciascuna progettata da un architetto diverso, installate ciascuna in tre città del mondo. Il BMW Guggenheim Lab inaugurale è stato ubicato, nel mese di agosto dello scorso anno, sul confine tra il Lower East Side di Manhattan e l’East Village, al numero 33 di East First Street (tra la Prima e la Seconda Strada), su un’area di proprietà del Dipartimento newyorkese dei Parchi e della Ricreazione.

BMW Tate Live
Tate e BMW hanno annunciato il 10 ottobre del 2011 una nuova ed importante partnership internazionale, la BMW Tate Live, che si concentrerà su performance, sull’arte interdisciplinare e sulla cura di spazi digitali. Il programma, la cui durata sarà di quattro anni, sarà lanciato con una serie di esibizioni artistiche create specificatamente per essere trasmesse in diretta online. BMW Tate Live: Performance Room è il primo programma artistico creato appositamente per essere trasmesso in diretta sul web.

La BMW Tate Live: la serie Performance Room comprenderà cinque opere commissionate nel 2012. Il coreografo francese, Jérôme Bel, creerà la prima opera che sarà realizzata nel mese di marzo del 2012. Il programma, che comprenderà sia artisti emergenti sia personaggi più conosciuti da tutto il mondo, che spazieranno da protagonisti delle arti visive a coreografi, sarà trasmesso sul canale online di Tate come BMW Tate Live: Performance Room.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©